Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

Copyright: licenze transfrontaliere per i servizi di musica online

Tornata Comunicati stampa - Libera circolazione dei servizi04-02-2014 - 14:09
 
Teenager with headphones and smartphone outside   Le licenze che coprono più di uno Stato membro faciliteranno lo streaming dei servizi musicali in tutta l'UE per i prestatori di servizi - ©BELGA/EASYPHOTOSTOCK/L.DOLGACHOV

Le nuove norme sulla musica d'autore approvate dal Parlamento martedì agevoleranno i fornitori online a ottenere le licenze per lo streaming di musica in più di un paese europeo. La legge, già informalmente concordata con il Consiglio, dovrebbe stimolare lo sviluppo di servizi di musica online a livello europeo per i consumatori e garantire che i diritti degli artisti siano maggiormente protetti e le royalty versate tempestivamente.


"La direttiva proteggerà efficacemente gli interessi dei creatori europei e agevolerà agli utenti finali l'accesso ai contenuti protetti da copyright in tutta Europa", ha affermato la relatrice Marielle Gallo (PPE, FR). "Questa direttiva è un chiaro segnale che il copyright può essere facilmente adattato a Internet. Il copyright ricopre un ruolo essenziale per l'economia digitale ", ha concluso.


Licenze transfrontaliere per i servizi di musica online a livello UE


In base alle nuove regole, i fornitori di servizi di musica on-line nell'Unione europea potranno ottenere le licenze da parte degli organismi di gestione collettiva, che rappresentano, attraverso le frontiere, i diritti d'autore. Le licenze che coprono più di uno Stato membro faciliteranno lo streaming dei servizi musicali in tutta l'UE per i prestatori di servizi.


Preservare la diversità culturale


Per garantire che i creatori di musica di tutti gli Stati membri abbiano accesso a licenze che coprano più di un paese e per preservare la diversità culturale, gli organismi di gestione collettiva, che di per sé non rilasciano le licenze di copyright a più di un paese, potranno chiedere a un'altra organizzazione di rappresentare il loro repertorio. Queste organizzazioni sarebbero obbligate a farlo a determinate condizioni.


Grazie agli eurodeputati, gli organismi di gestione collettiva dovranno gestire il repertorio che rappresentano alle stesse condizioni che applicano ai propri repertori.


Remunerazione tempestiva e adeguata per gli artisti

 

Tutti gli organismi di gestione collettiva saranno tenuti a garantire che gli artisti ricevano un'adeguata remunerazione per l'uso dei loro diritti in tempo utile. In generale, le royalty dovranno essere versate agli artisti il più rapidamente possibile e, comunque, entro nove mesi dalla fine dell'esercizio finanziario in cui i proventi dei diritti sono stati riscossi.


I titolari dei diritti potranno anche avere voce in capitolo sulle decisioni riguardanti la gestione dei loro diritti e sulla libertà di scegliere un organismo di gestione collettiva. Per garantire che i diritti dei titolari siano gestiti correttamente, gli organismi di gestione collettiva dovranno inoltre rispettare i requisiti di trasparenza e di comunicazione, nonché norme minime in materia di governance e sulla raccolta e l'utilizzo dei ricavi.

 

Prossime tappe


La direttiva, approvata con 640 voti favorevoli, 18 voti contrari e 22 astensioni, deve ancora essere formalmente approvata dal Consiglio. Successivamnte, i Paesi membri dell'UE avranno 24 mesi di tempo per incorporare la direttiva nella legislazione nazionale.

 

 

Procedura: co-decisione (procedura legislativa ordinaria), accordo in prima lettura

RIF. : 20140203IPR34615
 
 
Contatti
 
  • Federico DE GIROLAMO
  • Press Unit
  • Telephone number(+32) 2 28 31389 (BXL)
  • Telephone number(+33) 3 881 72850 (STR)
  • Mobile number(+32) 498 98 35 91