Condividi questa pagina: 

Con la votazione di martedì, Germania, Italia e Belgio riceveranno 14,6 milioni di euro per aiutare i lavoratori licenziati da due case automobilistiche e da una compagnia aerea a trovare nuovi posti di lavoro.

Paese

Compagnia

Numero dei beneficiari

Importo dell'aiuto(€)

Settore

Relatore PE

Germania

Adam Opel AG

2.692

6.958.623

Produttore auto

Jens Geier (PPE, DE)

Belgio

Ford Genk, 11 fornitori

4.500

6.268.564

Produttore auto

Paul Rübig (PPE, AT)

Italia

Gruppo Alitalia

184

1.414.848

Trasporto aereo

Monika Vana (Verdi/ALE, AT)


Alitalia


La compagnia di bandiera italiana ha dovuto licenziare oltre 1.200 lavoratori, principalmente a causa di una diminuzione della sua quota di mercato del trasporto aereo di passeggeri internazionali, in particolare a vantaggio dei vettori degli Stati del Golfo e della Turchia. La situazione si è aggravata anche a causa del calo del numero dei passeggeri dovuto alla crisi economica e all'aumento del prezzo del carburante. La maggior parte dei licenziamenti ha colpito la regione Lazio. L'Italia ha chiesto l'intervento del FEG per aiutare 184 lavoratori con maggiori difficoltà a trovare nuovi posti di lavoro.


Gli 1,4 milioni di euro sono la seconda richiesta di intervento del FEG nel settore dei trasporti aerei (dopo la richiesta di Air France nel 2013).


Il Parlamento ha approvato la proposta con 605 voti a favore, 77 contrari e 12 astensioni.


Contesto

 

Il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione è stato istituito per fornire servizi su misura ai lavoratori licenziati a trovare un nuovo impiego. Il suo massimale annuo è di 150 milioni di euro.

 

 

Votazione: martedì 6 ottobre

Procedura: bilancio

#EUbudget