Condividi questa pagina: 

Il Parlamento ha approvato giovedì, in via definitiva, nuove norme per contrastare le crescenti minacce dei "combattenti stranieri" in viaggio verso zone di conflitto a fini terroristici e dei "lupi solitari" che pianificano attacchi.

La nuova direttiva sulla lotta contro il terrorismo aggiornerà le attuali norme “quadro” UE sui reati di terrorismo e amplierà il loro raggio d’azione, coprendo cosi anche le minacce emergenti. Le fattispecie incluse nella legislazione saranno ora puniti con almeno 15 anni di reclusione, nei casi in cui venga imposto il massimo possibile della pena, in tutta l’UE.


La relatrice del Parlamento Monika Hohlmeier (PPE, DE) nel dibattito che ha preceduto la votazione ha detto: "Dobbiamo fermare i trasgressori prima di commettere questi atti, piuttosto che rimpiangere il fatto che ci sono stati attacchi. Abbiamo raggiunto un buon equilibrio tra il miglioramento della sicurezza e il rispetto rigoroso dei diritti fondamentali, in quanto non ha alcun senso avere sicurezza senza diritti", ha aggiunto.


Il testo, concordato in via informale con l Consiglio nel novembre 2016, è stato approvato con 498 voti in favore, 114 voti contrari e 29 astensioni.


L'elenco degli “atti preparatori” che saranno criminalizzati comprende:


  • viaggi all'estero per aderire a un gruppo terroristico e/o ritorno nell’UE,
  • reclutamento per terrorismo,
  • formazione o fornire formazione per il terrorismo,
  • favoreggiamento, complicità o tentativo di attacco,
  • incitamento pubblico o inneggiare al terrorismo
  • finanziamento del terrorismo e dei gruppi terroristici

Aiutare le vittime del terrorismo


La nuova direttiva prevede anche disposizioni per garantire assistenza immediata alle vittime e ai loro parenti dopo un attacco. Ad esempio, gli Stati membri dovrebbero garantire che siano istituiti servizi di sostegno per aiutare le famiglie a scoprire presso quale ospedale sia stato ricoverato un loro parente e per aiutare le vittime a tornare nei loro Paesi d'origine, se coinvolti in un attacco durante la visita in un altro Paese dell'UE. L'assistenza dovrebbe includere anche il supporto medico e psicologico, la consulenza su questioni legali o finanziarie e sulle procedure legali da seguire per presentare un ricorso.


Prossime tappe


Dal momento che la direttiva sarà formalmente approvata anche dal Consiglio e pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’UE, gli Stati membri avranno 18 mesi per assicurarsi che le nuove norme siano applicate.


Il Regno Unito e l'Irlanda non saranno vincolati da tali norme ma potranno comunicare alla Commissione la loro intenzione di aderire, se lo desiderano. La Danimarca non sarà coperta dalla direttiva.


Giovedì, il Parlamento ha inoltre approvato nuove norme per rafforzare i controlli alle frontiere esterne per migliorare la sicurezza nell’UE.



Contesto

La nuova direttiva per la lotta contro il terrorismo sostituirà la decisione quadro del Consiglio del 2002 (2002/475/GAI) per tenere il passo con i nuovi sviluppi e con le minacce emergenti, quali i combattenti stranieri e i lupi solitari, come pure per garantire che gli Stati membri rispettino gli obblighi internazionali e gli standard come la risoluzione 2178 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e il Protocollo aggiuntivo alla Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione del terrorismo.



Procedura: codecisione (accordo in prima lettura, votazione finale)

5.000  ; Numero minimo di europei probabilmente partiti per le aree in guerra di Siria e Iraq (Europol, TE-SAT relazione 2016)

Condividi la citazione: 
In breve 
  • Una recente relazione del Centro europeo di lotta al terrorismo di Europol rileva che altri attacchi nell'UE potrebbero essere compiuti da lupi solitari o da gruppi. Si prevede che, se l’ISIS viene sconfitta o gravemente indebolita in Siria/Iraq, aumenterà il numero dei combattenti stranieri che ritorna in Europa.