Condividi questa pagina: 

  • Nessun miglioramento in Turchia su Stato di diritto, democrazia, diritti umani e libertà di stampa 
  • Gli aiuti saranno ora destinati a programmi per la gestione della migrazione 

Il PE ha deciso martedì di cancellare 70 milioni di euro in fondi di preadesione destinati alla Turchia, poiché non è migliorato il rispetto dello Stato di diritto nel paese.

Lo scorso novembre, durante i negoziati sul bilancio 2018, il Parlamento e il Consiglio avevano deciso di porre in riserva 70 milioni di euro in fondi di preadesione per la Turchia (70 milioni di euro in impegni e 35 milioni di euro in pagamenti), da erogare a condizione che fossero conseguiti "miglioramenti tangibili nei settori dello Stato di diritto, della democrazia, dei diritti umani e della libertà di stampa, in base alla relazione annuale della Commissione".

Tuttavia, nella relazione annuale della Commissione europea sulla Turchia, pubblicata il 17 aprile 2018, si afferma che "la Turchia si è molto allontanata dall’Unione europea, specie per quanto riguarda lo Stato di diritto, i diritti fondamentali e l’indebolimento del sistema di bilanciamento dei poteri.".

I deputati hanno perciò sottolineato come la condizione necessaria non sia stata soddisfatta.

Di conseguenza, hanno sostenuto il progetto di bilancio rettificativo n. 5/2018, nel quale la Commissione propone di trasferire i 70 milioni di euro destinati alla Turchia per rafforzare lo strumento europeo di vicinato. La somma finanzierà le azioni legate alla rotta migratoria del Mediterraneo centrale, gli impegni dell'UE a favore della Siria e il potenziamento dell'aiuto umanitario (quest’ultimo con i 35 milioni di euro in pagamenti).

La relazione di Siegfried Muresan (PPE, RO) è stata approvata con 544 voti favorevoli, 28 contrari e 74 astensioni.