Condividi questa pagina: 

  • Articoli brevi e di facile lettura su come l'UE abbia migliorato la vita dei suoi cittadini 
  • Navigazione sul sito rapida e semplice, divisa per regione, professione e hobby 
Cosa fa per me l'Europa 

Il Presidente Tajani ha inaugurato oggi un nuovo sito web che mostra in modo innovativo l'impatto positivo dell'UE sui suoi cittadini.

L'ultimo sondaggio dell’Eurobarometro, pubblicato il mese scorso, ha rilevato che il 68% degli intervistati concorda sul fatto che il proprio Paese abbia tratto beneficio dall'adesione all'UE. Tuttavia, finora sono stati pochissimi i tentativi di elencare i vantaggi concreti dell'adesione all'UE per la gente comune. In vista delle elezioni europee del prossimo maggio, si spera che questo sito web riesca ad illustrare in che misura l'UE ha un impatto sulla nostra vita quotidiana.


Il sito web interattivo e multilingue "Cosa fa per me l’Europa", realizzato dal Servizio di ricerca del Parlamento europeo, contiene centinaia di articoli di una pagina e di facile lettura che forniscono esempi dell’impatto positivo che l'UE ha sulla vita dei cittadini. Gli utenti possono facilmente trovare informazioni specifiche su ciò che l'Europa fa per la loro regione, la loro professione o il loro passatempo preferito.


Inaugurando il sito oggi a Strasburgo, il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha dichiarato: "Gli europei si chiedono cosa abbia fatto l'UE per loro: questo nuovo sito del Parlamento europeo fornisce risposte chiare e comprensibili. Sarà uno strumento prezioso per avvicinare l'Europa ai cittadini".


Il sito mette a disposizione circa 1.800 articoli di una pagina per una lettura semplice, la condivisione o il riutilizzo come pagine web o come file PDF. Gli articoli sono suddivisi in due sezioni principali. La prima, "Nella mia regione", consente agli utenti e alle loro famiglie di selezionare il luogo in cui vivono o lavorano. Come è presente l'Europa nelle nostre città e regioni? Tale sezione comprende oltre 1.400 località in ogni parte dell'Unione europea.


Tra gli esempi troviamo il progetto Giovanisì, realizzato in Toscana con l'aiuto dell'UE, che ha sostenuto oltre 230.000 giovani a diventare autonomi, promuovendo opportunità legate allo studio e alla formazione, il sostegno al loro inserimento nel mondo del lavoro e l’aiuto all’avvio di startup.


Si parla anche delle iniziative dell’UE in favore delle piccole e medie imprese: nelle Marche, ad esempio, il prestito d’onore, ha contribuito a creare 1.355 nuove imprese e 3.300 nuovi posti di lavoro negli ultimi dieci anni, anche grazie a fondi europei per un importo di quasi 8 milioni di euro.


In Puglia, ad esempio, il mercato interno dell’UE, con circa 500 milioni di consumatori, offre alle produzioni regionali la possibilità di ampliare il mercato. L’UE rappresenta il mercato di sbocco per oltre il 60% dei prodotti manifatturieri e per ben il 70% dei prodotti dell’agricoltura, silvicoltura e pesca pugliesi.


La seconda sezione del sito, "Nella mia vita", permette a ogni utente di scegliere tra 400 articoli che toccano gli aspetti importanti per i cittadini europei. Ad esempio, in che modo l'UE ha un impatto su famiglie, assistenza sanitaria, hobby, viaggi, sicurezza, scelte dei consumatori e diritti sociali? In che modo l'UE sostiene le persone nella loro vita professionale in decine di lavori, dagli apicoltori, agli autisti di autobus e ai produttori di birra? Che cosa fa l'UE per coloro che amano hobby come lo sport, la musica o la tv? Per questa sezione è disponibile anche una serie di podcast in un numero crescente di lingue.


Gli articoli forniscono un'istantanea dell'operato dell'UE per i suoi cittadini - basata su esempi interessanti, con link a informazioni ulteriori - piuttosto che cercare di elencare tutto ciò che l'UE ha fatto negli anni.


Tali articoli saranno integrati, in una terza sezione del sito, nello specifico da documenti informativi più esaustivi sulle politiche dell'UE. Questa sezione illustrerà alcuni dei risultati dell'attuale legislatura e le prospettive per il futuro, con particolare attenzione alle preoccupazioni e alle aspettative dell'opinione pubblica e dei cittadini in merito all'azione dell'UE.


Questo sito web è stato realizzato dal Servizio di ricerca del Parlamento europeo (EPRS), in collaborazione con i servizi di comunicazione e traduzione del Parlamento europeo.