Verso le elezioni europee: date principali 

 
 

Condividi questa pagina: 

I lavori dell'ottava legislatura del Parlamento europeo si sono conclusi il 18 aprile 2019. Con le elezioni dirette che si terranno dal 23 al 26 maggio, i cittadini degli Stati membri dell'UE eleggeranno i deputati al Parlamento europeo per formare la nuova Assemblea.

 

Cosa succede prima e dopo le elezioni: date principali 

Fine legislatura


I lavori parlamentari si sono interrotti il 19 aprile. I negoziati in corso con gli Stati membri su proposte legislative sono stati sospesi. Qualora non fosse stato possibile raggiungere un accordo, il Parlamento ha potuto approvare o una posizione negoziale e una prima lettura, per permettere al prossimo Parlamento di proseguire il lavoro. Per saperne di più, consulta la sezione "Risultati".


Recesso del Regno Unito dall’UE


A seguito dell'accordo raggiunto nel corso del Vertice speciale europeo del 10 aprile, la data di ritiro del Regno Unito è fissata al 31 ottobre o prima. Ciò significa che il Regno Unito sarà legalmente obbligato a partecipare alle elezioni europee.


Per entrare in vigore, qualsiasi accordo di recesso tra l'Unione europea e il Regno Unito dovrà essere approvato dal Parlamento europeo con la maggioranza semplice dei voti espressi (articolo 50, paragrafo 2 del Trattato).


Per maggiori informazioni sui dibattiti e sulle risoluzioni del Parlamento consultare il link sulla Brexit.


Dibattito presidenziale Eurovisione per le Elezioni europee 2019


Il 15 maggio alle 21:00, il Parlamento ospiterà un dibattito a livello europeo, e in eurovisione, fra i candidati principali alla presidenza della Commissione europea nella sala plenaria di Bruxelles. Il dibattito sarà organizzato e trasmesso dall'Unione europea di radiodiffusione (UER). I giornalisti accreditati potranno assistere al dibattito nell'emiciclo e nelle sale d'ascolto messe a disposizione.


Per maggiori informazioni sul dibattito presidenziale, consultare la sezione “Candidati principali ed elezione della Commissione eurCandidati principali ed elezione della Commissione europeaopea”.


Giornate elettorali a Bruxelles


Le strutture stampa e audiovisive saranno aperte alla stampa accreditata durante la settimana elettorale e il giorno successivo alla notte elettorale dal 23 al 27 maggio incluso. Domenica 26 maggio, l'emiciclo sarà il luogo dove saranno presentati i sondaggi nazionali, i risultati provvisori e le dichiarazioni dei candidati. Per entrare al PE sarà necessario un accredito speciale.


Il Parlamento entrante


A partire dal 27 maggio, i nuovi deputati eletti avvieranno i negoziati per la costituzione dei gruppi politici. Per costituire un gruppo politico sono necessari 25 membri e almeno un quarto degli Stati membri deve essere rappresentato all'interno del gruppo (7). I gruppi dovranno notificare la propria composizione entro il 24 giugno.


Il 2 luglio inizierà la 9ª legislatura del Parlamento europeo e i deputati si riuniranno a Strasburgo per la sessione costitutiva. Eleggeranno il Presidente, i 14 vicepresidenti e i 5 questori dell'Assemblea, oltre a decidere il numero e la composizione delle commissioni parlamentari permanenti.


La prossima Commissione


Gli Stati membri nomineranno un candidato alla carica di Presidente della Commissione, ma a tal fine dovranno tener conto dei risultati delle elezioni europee. Inoltre, il Parlamento dovrà approvare il nuovo Presidente della Commissione a maggioranza assoluta (metà dei deputati eletti più uno, cioè 376). Se il candidato non ottiene la maggioranza richiesta, gli Stati membri dovranno proporre un altro candidato entro un mese (al Consiglio europeo e a maggioranza qualificata).


Leggi qui per saperne di più.


I commissari designati, proposti dagli Stati membri, e il presidente eletto della Commissione dovranno ottenere l'approvazione del Parlamento prima che la Commissione possa entrare in carica, all'inizio di novembre. Si veda l'infografica per meggiori dettagli.


Temi da osservare nel 2019 (approfondimento del servizio di ricerca del PE)

Prospettive economiche 2019 (approfondimento del servizio di ricerca del PE)