Verso le elezioni europee: date principali 

 
 

Condividi questa pagina: 

I lavori dell'ottava legislatura del Parlamento europeo si concluderanno il 18 aprile 2019. Con le elezioni dirette che si terranno dal 23 al 26 maggio, i cittadini degli Stati membri dell'UE eleggeranno i deputati al Parlamento europeo per formare la nuova Assemblea.

 

Date principali 

Nell’ultima seduta plenaria dell’11-14 aprile, il Parlamento nella sua forma attuale (ossia 751 deputati e 28 Stati membri) discuterà e voterà proposte legislative fondamentali, tra cui la Guardia frontiera e costiera europea e il sistema UE per la protezione degli whistleblower. Inoltre, si terrà l’ultimo dibattito sul futuro dell'Europa con il Primo Ministro della Lituania (maggiori informazioni su tutti i dibattiti in Plenaria sul futuro dell’Europa).


Il futuro dell'Europa: i leader dell'Europa discutono con i deputati al PE delle vie da percorrere


Clicca qui per visualizzare i dibattiti tenuti con i leader europei


Fine legislatura


I lavori parlamentari si interrompono il 19 aprile. I negoziati in corso con gli Stati membri su proposte legislative sono già stati sospesi. Qualora non fosse stato possibile raggiungere un accordo, il Parlamento potrebbe votare la sua posizione negoziale e chiudere così la prima lettura per permettere al prossimo Parlamento di proseguire il lavoro. Per saperne di più, consulta la sezione "Risultati".


Recesso del Regno Unito dall’UE


A seguito dell'accordo raggiunto nel corso del Vertice speciale europeo del 10 aprile, la data di ritiro del Regno Unito è fissata al 31 ottobre o prima. Ciò significa che il Regno Unito, se non ratifica l’accordo di ritiro prima del 23 maggio 2019, sarà legalmente obbligato a partecipare alle elezioni europee.


Per entrare in vigore, qualsiasi accordo di recesso tra l'Unione europea e il Regno Unito dovrà essere approvato dal Parlamento europeo con la maggioranza semplice dei voti espressi (articolo 50, paragrafo 2 del Trattato).


Per maggiori informazioni sui dibattiti e sulle risoluzioni del Parlamento consultare il link sulla Brexit.


Dibattito presidenziale per le Elezioni europee 2019


Il 15 maggio alle 21:00, il Parlamento ospiterà un dibattito a livello europeo, e in eurovisione, fra i candidati principali alla presidenza della Commissione europea nella sala plenaria di Bruxelles. Il dibattito sarà organizzato e trasmesso dall'Unione europea di radiodiffusione (UER). I giornalisti accreditati potranno assistere al dibattito nell'emiciclo e nelle sale d'ascolto messe a disposizione.


Per maggiori informazioni sul dibattito presidenziale, consultare la sezione “Candidati principali ed elezione della Commissione europea”.


Giornate elettorali a Bruxelles


Le strutture stampa e audiovisive saranno aperte alla stampa accreditata durante la settimana elettorale e il giorno successivo alla notte elettorale dal 23 al 27 maggio incluso. Domenica 26 maggio, l'emiciclo sarà il luogo dove saranno presentati i sondaggi nazionali, i risultati provvisori e le dichiarazioni dei candidati. Per entrare al PE sarà necessario un accredito speciale. Maggiori dettagli sono disponibili in questo media advisory.


Il Parlamento entrante


A partire dal 27 maggio, i nuovi deputati eletti avvieranno i negoziati per la costituzione dei gruppi politici. Per costituire un gruppo politico sono necessari 25 membri e almeno un quarto degli Stati membri deve essere rappresentato all'interno del gruppo (7).


Il 2 luglio inizierà la 9ª legislatura del Parlamento europeo e i deputati si riuniranno a Strasburgo per la sessione costitutiva. Eleggeranno il Presidente, i 14 vicepresidenti e i 5 questori dell'Assemblea, oltre a decidere il numero e la composizione delle commissioni parlamentari permanenti.


La prossima Commissione


Gli Stati membri nomineranno un candidato alla carica di Presidente della Commissione, ma a tal fine dovranno tener conto dei risultati delle elezioni europee. Inoltre, il Parlamento dovrà approvare il nuovo Presidente della Commissione a maggioranza assoluta (metà dei deputati eletti più uno). Se il candidato non ottiene la maggioranza richiesta, gli Stati membri dovranno proporre un altro candidato entro un mese (al Consiglio europeo e a maggioranza qualificata).


Leggi qui per saperne di più.


Elezioni nazionali previste in vista delle elezioni europee


  • Finlandia: elezioni legislative, 14 aprile
  • Spagna: elezioni legislative, 28 aprile
  • Lituania: elezioni presidenziali, 12 maggio
  • Belgio: elezioni legislative e regionali, 26 maggio



Temi da osservare nel 2019 (approfondimento del servizio di ricerca del PE)


Prospettive economiche 2019 (approfondimento del servizio di ricerca del PE)