Risultati del Parlamento europeo 2014-2018 

 
 

Condividi questa pagina: 

Il Parlamento è al centro della democrazia europea. I rappresentanti direttamente eletti dei cittadini europei discutono e decidono le leggi insieme ai Ministri UE (Consiglio).


Ma il processo legislativo è solo uno dei ruoli del Parlamento. I deputati europei discutono e definiscono l'agenda politica nei dibattiti chiave con i leader nazionali e internazionali, esaminano le aree di interesse e avviano revisioni di leggi e nuove norme.

I deputati valutano il lavoro della Commissione europea, esaminano l’attuazione delle leggi UE negli Stati membri e chiedono conto alle più potenti istituzioni e organizzazioni, in particolare quando i diritti fondamentali sono minacciati. Vicini alle preoccupazioni dei cittadini, si avvalgono del loro diritto - e dovere - di controllo, per verificare in loco i risultati delle politiche dell'UE, per monitorare (e votare) i negoziati sugli accordi internazionali e, se necessario, porre il veto agli atti della Commissione.


Servizio di ricerca del PE - valutazione dei risultati finora ottenuti dalla Commissione


Leggi le FAQ sulle attività dei deputati europei.


Negli ultimi quattro anni, il Parlamento ha inoltre modificato il proprio regolamento interno per una legislazione europea più efficiente e più trasparente. Le questioni urgenti, in particolare le misure di aiuto agli Stati membri per riprendersi dagli effetti crisi finanziaria, sono state oggetto di procedure accelerate.


Per saperne di più, consultare l'accordo "Legiferare meglio".


Attività legislativa fino ad oggi


Dalle elezioni del 2014 in poi, quasi 600 proposte legislative della Commissione Juncker sono state discusse, migliorate e concluse con successo in seguito ai negoziati con il Consiglio.

Le più importanti decisioni legislative durante l'ottava legislatura del Parlamento europeo


Per un quadro completo: i passaggi legislativi in tutti i settori politici dal 2014.


Indagini e avvio di nuove norme


Per preparare il terreno alle modifiche legislative, il Parlamento ha votato delle risoluzioni non legislative sui temi che alimentano le preoccupazioni e le aspettative dei cittadini e ha avviato la revisione di leggi esistenti.


Esempi: Il PE chiede una maggiore protezione degli informatori, una maggiore durata di vita dei prodotti, prezzi più equi per gli agricoltori.

Qui tutte le risoluzioni e le iniziative del Parlamento europeo.


Quando sono emersi scandali o abusi di impatto potenziale su larga scala (come Luxleaks, Panama Papers, le truffe delle case automobilistiche sulle emissioni, le controverse autorizzazioni di pesticidi), il Parlamento ha istituito delle commissioni speciali per condurre indagini approfondite, inchieste e audizioni da parte dei deputati europei per chiedere conto dei responsabili. Le loro conclusioni e le raccomandazioni dettagliate confluiscono nelle nuove proposte della Commissione.


Esempi: TAX3, EMIS, PEST, TERR, PANA


Voto e controllo del bilancio UE


Il Parlamento e il Consiglio condividono il ruolo di autorità per il bilancio annuale dell'Unione. Il Parlamento ha voce in capitolo anche nel bilancio a lungo termine dell'UE, il quadro finanziario pluriennale, che necessita della sua approvazione per entrare in vigore, e agisce in qualità di autorità di "discarico". Ciò significa che deve verificare come viene speso il bilancio annuale e quindi concedere, rinviare o rifiutare l'approvazione per la gestione del bilancio da parte di ciascuna istituzione dell'UE.


Potere di scrutinio


I deputati europei, in tutte le commissioni del Parlamento europeo, hanno inoltre tenuto sotto stretto controllo l'applicazione della legislazione comunitaria e il modo in cui essa influisce sulla vita dei cittadini. Le commissioni hanno chiesto alla Commissione europea di rendere conto del suo lavoro esecutivo e dell'impiego dei fondi dell'UE. Delle missioni conoscitive e delegazioni ad hoc hanno raccolto prove in loco per valutare approfonditamente prima di decidere misure ulteriori da adottare.


Esempi: visite ai campi profughi in Turchia (video); delegazioni per indagare sullo stato di diritto a Malta e in Slovacchia.


I deputati interrogano per iscritto la Commissione anche su questioni urgenti, a volte seguite da una risoluzione presentata in seduta plenaria dai gruppi politici.


Ove necessario, il Parlamento ha posto il veto alle decisioni della Commissione (in atti delegati e di esecuzione) quando i deputati ritengono che l'esecutivo abbia oltrepassato i suoi poteri.


Esempi: zucchero negli alimenti per bambini, bevande energetiche, cadmio.


Trattati internazionali


Inoltre, i deputati hanno seguito da vicino i negoziati della Commissione sui trattati internazionali e hanno formulato risoluzioni dettagliate per consentire una maggiore trasparenza e un maggiore coinvolgimento del Parlamento, prima di qualsiasi accordo finale che richieda il consenso del Parlamento (approvazione o voto di rifiuto) prima dell'entrata in vigore.


Esempi: BREXIT, TTIP, CETA


Petizioni dei cittadini


Dal luglio 2014, La commissione parlamentare per le petizioni del Parlamento europeo ha registrato circa 6.400 petizioni e si è occupata di denunce, richieste e osservazioni dei cittadini sull'applicazione del diritto UE. La commissione funge da mediatore tra i firmatari e gli Stati membri per risolvere un problema specifico. Alle petizioni viene dato talvolta seguito in sessione plenaria attraverso dibattiti, interrogazioni orali e risoluzioni.


Esempi: pratiche di lavoro precarie nell'UE, i diritti delle persone con disabilità, la non discriminazione delle minoranze nell'UE, i diritti dei bambini.


Cosa fa l'Europa per te: scopri l'impatto delle leggi UE in gruppi specifici di persone

Cosa ha mai fatto l'UE per me (VIDEO)


Voti legislativi prima della fine dell'ottava legislatura


Circa 328 fascicoli legislativi (compresi 46 fascicoli sul quadro finanziario pluriennale) sono ancora in fase di elaborazione (al settembre 2018). Sono previste decisioni importanti, come ad esempio:



(elenco non esaustivo)


Analisi approfondita da parte del servizio di ricerca del PE - i temi da osservare nel 2018