Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")
Troika
Attualità :

Inchiesta sulla Troika - Il Parlamento esamina il ruolo e le operazioni dei creditori internazionali

Affari economici e monetari / Unione economica e monetaria 14-03-2014 - 09:09 / Aggiornato il: 25-04-2014 - 11:32
 
 

I salvataggi dei paesi della zona euro sono legati a delle condizioni rigorose imposte dai rappresentanti dei creditori internazionali - Commissione europea, BCE e FMI - la cosiddetta Troika. Poiché sono stati espressi dei dubbi in merito ai metodi di lavoro della Troika, il Parlamento ha avviato un'indagine sulla questione. Dopo una serie di visite nei paesi interessati, la relazione è stata votata dalla commissione agli Affari economici il 24 febbraio e passerà alla plenaria in marzo. (Seguito: Una pagella per la Troika )

Quando nel 2010 il governo greco ha chiesto ai partner europei un aiuto per affrontare la crisi del debito che stava travolgendo il paese, la risposta è stata: vi presteremo i soldi, ma in cambio dovrete riadattare i servizi sociali, le pensioni e gli stipendi per ridurre il debito pubblico. Una delegazione del Parlamento sarà in visita in Grecia mercoledì e giovedi 29-30 gennaio per verificare se la cura economica prescritta dalla Troika abbia funzionato. (Seguito: La Troika in Grecia: un successo o un avvertimento per i fautori dell'austerità?)

Per la prima volta nella storia dell'UE, i cittadini europei hanno avuto la possibilità di partecipare attraverso i social media alla stesura di una relazione del Parlamento europeo. Entra nel nostro gruppo LinkedIn e condividi le tue idee con l'eurodeputato socialista spagnolo Alejandro Cercas sul ruolo della Troika (Commissione, BCE e FMI) nei paesi che hanno ottenuto un programma di salvataggio. Segui in diretta tramite la nostra pagina web l'udienza parlamentare che si terrà il 9 gennaio. (Seguito: Troika: "L'Europa non è un club di creditori")

Le politiche della cosiddetta Troika per combattere la crisi nei paesi più colpiti dell'UE sono stati un successo o un fallimento? Questo l'obiettivo dell'audizione pubblica organizzata dalla commissione agli Affari economici di martedì 5 novembre alle 15e30. Il dibattito sarà focalizzato sulla legittimità democratica delle misure, in particolare in Irlanda, Cipro, Slovenia, Grecia, Portogallo e Italia. Abbiamo incontrato Sharon Bowles, presidente della commissione agli Affari economici. (Seguito: Bowles: "La risposta della Troika mancava di trasparenza e di credibilità")

Come direttore generale del Meccanismo europeo di stabilità, il dispositivo che sostiene le economie dei paesi in difficoltà, Klaus Regling è nella posizione ideale per spiegare cosa sta succedendo nella zona euro. Durante l'intervento del 24 settembre in Parlamento, ha espresso un ottimismo prudente. La crescita sta riprendrendo lentamente grazie alle misure anti-crisi ma gli Stati membri devono fare maggiori sforzi in termini di competitività. (Seguito: Regling: « Le alternative all'austerità sarebbero ancora più dure»)

In dicembre il Parlamento europeo ha chiesto ai cittadini di confrontarsi su LinkedIn sull'impatto della troika nei paesi in cui è intervenuta. I deputati hanno adottato una relazione li 13 marzo, tre mesi dopo le consultazioni dirette tra il relatore, il deputato socialista spagnolo Alejandro Cercas, e i cittadini. (Seguito: Intervista: Cercas e la partecipazione dei cittadini via le reti sociali)

I deputati europei e i loro colleghi nazionali si sono incontrati alla Conferenza parlamentare europea tenutasi dal 20 al 22 gennaio a Bruxelles. L'evento segna l'inizio del ciclo annuale di coordinamento delle politiche fiscali nazionali. I parlamentari vogliono garantire che le misure volte a frenare il deficit di bilancio e il debito pubblico tengano conto della dimensione sociale e della legittimità democratica. (Seguito: I parlamentari chiedono maggiore legittimità per la politica economica dell'UE)

Negli ultimi anni la BCE ha giocato un ruolo decisivo nella lotta alla crisi in Europa, specialmente nell'affrontare i mercati finanziari. La BCE ha fatto parte della cosiddetta troika di finanziatori internazionali che hanno reso possibili i piani di salvataggio e che ora sta preparando i piani di supervisione delle banche. Il Parlamento europeo voterà una relazione sul lavoro svolto dalla BCE nel 2012. Cosa ne pensano i deputati? (Seguito: Il futuro della Banca Centrale Europea)

Colpiti dalla Crisi, Grecia, Irlanda, Portogallo e Cipro, hanno accettato i programmi internazionali di salvataggio seguiti da un'autorità definita Troika e composta da Commissione europea, BCE e FMI. Guarda le due infografiche per conoscere meglio da cosa è composta la Troika e come ha agito negli anni della crisi. (Seguito: Chi è la Troika?)

RIF. : 20140110TST32314
 
 
Condividi
 
 
Risultati della plenaria
 
Voto finale
 

"Ancora di salvezza" o un "mostro"? In un caso o nell'altro, gli eurodeputati ne chiedono un'ampia riforma.

 
La Troika: Come funziona l'organo di salvataggio europeo
 

Paladina dell'austerità, da chi è composta la Troika e a chi deve rispondere? Sono "angeli custodi" del progetto europeo o rappresentano un ostacolo alla crescita?

 
Misure di austerità della troika: un male necessario o un toccasana?
 

I regimi di austerità sono stati una soluzione a lungo termine o d'emergenza? Othmar Karas e Liem Hoang Ngoc esprimono il proprio parere sui passi che devono compiere i paesi UE indebitati.

 
Valutare l'operato della Troika
 

Quattro anni dopo la creazione della Troika, EuroparlTV segue gli eurodeputati che indagano sulle conseguenze delle politiche di austerità in Grecia e Irlanda.

 
Siamo sicuri che la Troika sia la soluzione?
 

L'Europa deve trovare un'alternativa alla troika per risolvere i problemi economici? Il parere di Othmar Karas.