Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")
top story icon IWD2016
Attualità :

Giornata Internazionale della Donna 2016 - Donne rifugiate e richieste di asilo in UE

Diritti delle donne/Pari opportunità / Immigrazione / Diritto d'asilo 08-03-2016 - 17:56
 
 

Tutti i rifugiati devono affrontare grandi difficoltà, ma le donne e le ragazze sono più vulnerabili e cercano protezione dalla guerra e dalla violenza. Hanno bisogno di una particolare attenzione perché spesso oggetto di violenza di genere e discriminazione. Ecco perché in occasione della Giornata internazionale della Donna di quest'anno, il Parlamento europeo si concentra sulla situazione delle donne rifugiate e sulle richiedenti asilo. (Seguito: Giornata Internazionale della Donna 2016)

Nella risoluzione votata martedì, i deputati sostengono che una riforma delle politiche di migrazione e di asilo dell'UE deve comprendere misure di genere per garantire la sicurezza delle donne che chiedono asilo, molte delle quali viaggiano con bambini piccoli e altre persone a carico. La violenza di genere dovrebbe essere un motivo valido per richiedere asilo nell'UE, sottolineano gli europarlamentari. (Seguito: Migranti: maggiore sicurezza per le donne richiedenti asilo)

"Le donne rifugiate in UE" è il tema scelto dal PE per la Giornata Internazionale della Donna 2016. Abbiamo incontrato la deputata inglese Mary Honeyball (S&D) e la fotografa francese Marie Dorigny: la relazione di Honeyball sulle donne rifugiate sarà votata in seduta plenaria l'8 marzo, mentre Marie Dorigny ha documentato il viaggio delle rifugiate attraverso la Grecia, l'ex Repubblica iugoslava di Macedonia e la Germania. (Seguito: Honeyball: "È necessario proteggere le donne e i bambini")

L'8 marzo è la Giornata internazionale della donna. Quest'anno, il Parlamento ha scelto di concentrarsi sul tema delle donne rifugiate durante la plenaria di questa settimana. Martedì i deputati discuteranno voteranno la relazione della deputata inglese Mary Honeyball (S&D) dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi. Puoi seguire la sessione plenaria in diretta sul nostro sito. (Seguito: La plenaria celebra la Giornata internazionale della Donna)

In apertura del dibattito con l'Alto Commissario dell'ONU per i rifugiati in occasione Giornata internazionale della donna, il Presidente Martin Schulz ha sottolineato l'impegno continuo del PE nella lotta a tutte le forme di violenza contro le donne, nei loro Paesi d'origine, durante la fuga o all'arrivo. Grandi ha invitato l'UE a ribadire i propri valori e rifiutare una politica di rimpatrio senza precise clausole di salvaguardia. (Seguito: Filippo Grandi, Alto Commissario ONU per i rifugiati: "momento della verità per riaffermare i valori europei")

Le donne e le ragazze in fuga dalle guerre e dai conflitti devono affrontare la violenza in tutte le fasi del loro viaggio verso l'UE: nel loro paese di origine, durante il loro viaggio verso un rifugio sicuro, ed anche una volta arrivate in Europa. Il PE dedica la Giornata della donna 2016 alla situazione particolare delle donne rifugiate. L'8 marzo il PE ha votato una relazione che sollecita gli Stati membri ad adottare delle linee guida specifiche in materia d'immigrazione. (Seguito: Migrazione e asilo: come tutelare i diritti delle donne)

Da dicembre 2015 a gennaio 2016, la celebre fotografa francese Marie Dorigny ha viaggiato in Grecia, in ex Repubblica Jugoslava di Macedonia e in Germania per raccontare la situazione delle donne rifugiate. Le sue foto sono esposte al Centro visitatori del PE, il Parlamentarium, fino all'1 giugno e negli uffici d'informazione del Parlamento negli Stati membri. (Seguito: In fuga verso l'Europa: le immagini del viaggio)

RIF. : 20160226TST16212
 
 
Condividi
 
 
All'interno del campo profughi di Calais: i sacrifici di molte donne
 

EuroparlTV indaga fra i tentativi di portare supporto sanitario e psicologico alle donne nei campi profughi, in fuga da guerre e violenze.

 
Materiale audiovisivo
 
 
Pari opportunità: come accellerare il progresso estremamente lento
 

Sono visibili progressi nella presenza di donne in tutti i settori, ma da ogni angolo giunge la richiesta affinché l'Europa diventi paladina delle pari opportunità e accelleri il cambiamento di fronte alla disparità di genere.