Indice Parlamento Europeo Indice
Indice
Attualità Deputati Tutto sul Parlamento Plenaria Commissioni Delegazioni Al vostro servizio EPTV Archivi
Presentazione Dettagli Archivi
Parlamento – Panoramica
Benvenuto
Organizzazione
Poteri
Ruolo politico
Bilancio
Multilinguismo
Visite
Il Parlamento e il cittadino
Petizioni
Mediatore europeo per i casi di sottrazione di minori
Il Parlamento vicino al cittadino
Servizio informazioni per i cittadini
Tirocini
Assunzioni
Accesso ai documenti
Eurobarometro
Agorà
Ufficio per la promozione della democrazia parlamentare
Il Parlamento e i diritti dell'uomo
Difesa dei diritti dell'uomo
Premio Sacharov
Parlamento e Unione europea
Trattato di Lisbona
Diritti fondamentali
L'Europa comunica l'UE

Documenti della PlenariaDocumenti della Plenaria
Video dei dibattiti in plenariaVideo dei dibattiti in plenaria
Il PresidenteIl Presidente
Segretariato generaleSegretariato generale
Prossimamente alle commissioniProssimamente alle commissioni
Think TankThink Tank

Il Parlamento e il cittadino 

Mediatore del Parlamento europeo per i casi di sottrazione internazionale di minori

La carica di Mediatore del Parlamento europeo per i casi di sottrazione internazionale di minori è stata creata nel 1987 su iniziativa di Lord Plumb, nell'intento di contribuire alla soluzione delle situazioni di conflitto che sorgono quando, in seguito alla separazione di una coppia mista di genitori, un figlio viene sottratto da uno di essi all'altro. Nel 2009 è stata nominata Mediatrice del PE l'italiana Roberta Angelilli, che succede a Marie-Claude Vayssade (1987-1994) e Mary Banotti (1995-2004) e Evelyne Gebhardt (2004-2009).

Il ruolo del Mediatore consiste nel favorire il raggiungimento di un accordo volontario tra il genitore che ha sottratto il figlio e l'altro genitore, tenendo presente principalmente l'interesse del figlio o dei figli. Poiché ogni bambino ha diritto a entrambi i genitori, questi possono chiedere una procedura di mediazione al riguardo.

Roberta Angelilli

Cos'è la mediazione?

La mediazione è una forma alternativa di risoluzione delle controversie volta alla gestione positiva dei conflitti. Essa ha lo scopo di indurre le parti a trovare una soluzione accettabile e soddisfacente per entrambe grazie all'assistenza di un terzo soggetto: il mediatore.

Nei casi di sottrazione internazionale di minori, l'obiettivo della mediazione è quello di raggiungere un accordo negoziato nell'interesse esclusivo del minore. La responsabilità principale del Mediatore del Parlamento europeo per i casi di sottrazione internazionale di minori consiste nell'assistere i genitori nella ricerca della soluzione migliore nell'interesse del figlio. Va quindi sottolineato che il compito fondamentale del Mediatore è quello di tutelare al meglio gli interessi superiori del bambino sottratto. Allo scopo di risparmiare ai bambini e ai genitori la tensione emotiva e psicologica derivante da un'azione giudiziaria, il Mediatore del PE fornisce informazioni e consigli su un modo alternativo per comporre la controversia, la mediazione.


Metodo della procedura di mediazione

I genitori che desiderano ricorrere a una procedura di mediazione sono convocati presso il Parlamento europeo o il luogo di residenza del minore (a seconda delle circostanze del caso) per discutere apertamente la controversia al di fuori del rigido contesto di un processo giuridico; la procedura offre un sostegno autorevole e valido per cercare di rendere la discussione possibile e fruttuosa.

Per garantire l'efficacia e la professionalità dell'intervento di mediazione, il Mediatore del PE sovrintende alla designazione, per ciascun caso, di un appropriato comitato di mediatori.


Vantaggi ed effetti della procedura

Un accordo tra le parti raggiunto grazie a una procedura di mediazione può evitare un inutile spostamento del bambino, permette ai genitori di affrontare attivamente e direttamente tutte le questioni riguardanti la famiglia ed è più rapido e meno costoso di un'azione giudiziaria. Una volta compreso, accettato e firmato dalle parti, l'accordo può essere comunicato al tribunale, che ne ufficializza i termini con un'ordinanza riconosciuta e applicabile in altri paesi.



Articolo 24 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea:

    Diritti del bambino:
  1. I bambini hanno diritto alla protezione e alle cure necessarie per il loro benessere. Essi possono esprimere liberamente la propria opinione; questa viene presa in considerazione sulle questioni che li riguardano in funzione della loro età e della loro maturità.
  2. In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private, l'interesse superiore del bambino deve essere considerato preminente.
  3. Ogni bambino ha diritto di intrattenere regolarmente relazioni personali e contatti diretti con i due genitori, salvo qualora ciò sia contrario al suo interesse.
Mediatrice del Parlamento europeo per i casi di sottrazione internazionale di minori
Roberta ANGELILLI
Bât. Altiero Spinelli
09E130
Contatti:
Simona Mangiante
ASP5G302
60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
B-1047 Bruxelles/Brussel
Email: MediationChildAbduct@europarl.europa.eu
Tél : +32 (0)2 28 43613
Fax : +32 (0)2 28 46952

 

Ulteriori informazioni:
Il ruolo del Mediatore per i casi di sottrazione internazionale di minori
Esempio di un caso