Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
23 settembre 2002
E-2349/2002
Risposta data dalla sig.ra Wallström a nome della Commissione

In relazione alla denuncia riguardante la costruzione del Centro olimpico di canottaggio di Schinias-Maratona in Grecia, gli obiettivi della Commissione erano a) tutelare il sito in maniera adeguata includendolo nella rete ecologica Natura 2000 costituita ai sensi della direttiva 92/43/CEE(1) e b) garantire che la costruzione dell'impianto di canottaggio e la futura gestione dell'area avvenissero in maniera tale da proteggere e ripristinare il patrimonio naturale del sito.

Dall'epoca della risposta della Commissione alle precedenti interrogazioni presentate dall'onorevole parlamentare sull'argomento (P-2323/00 e E-0332/01) le autorità greche hanno integrato la documentazione pertinente e, grazie a ulteriori contatti con esse, è migliorata la concezione del progetto: l'impatto negativo sull'ambiente è stato ridotto al minimo ed è stata aumentata la qualità ecologica della zona mediante l'attuazione del progetto di recupero ambientale. Sono stati inoltre compiuti progressi in vista della creazione del Parco nazionale con la pubblicazione della decisione ministeriale congiunta per il piano di amministrazione e di gestione del Parco nazionale medesimo; sono stati ulteriormente chiariti alcuni aspetti relativi all'attuazione del programma di recupero delle zone umide e al calendario di tutti i lavori proposti. Per quanto attiene all'istituzione e al funzionamento del consiglio di gestione del Parco nazionale, è attesa l'approvazione della normativa nazionale al riguardo (decreto presidenziale).

Nel mese di agosto 2002, inoltre, le autorità greche hanno proposto di inserire la zona di Schinias-Maratona tra i siti di interesse comunitario presentando alla Commissione i formulari standard per il sito, una mappa digitale e un fascicolo di accompagnamento necessari per proporre l'inclusione del sito nella rete Natura 2000; questi documenti sono attualmente al vaglio della Commissione.

Da quanto fin qui esposto emerge che sono stati compiuti notevoli progressi. Una volta ultimato l'esame delle informazioni acquisite di recente, la Commissione sarà in grado di trarre una conclusione significativa circa la compatibilità complessiva della proposta con la salvaguardia delle caratteristiche naturali del sito e potrà inoltre stabilire se tale proposta sia soddisfacente. Ciò non esclude la possibilità che la Commissione affronti ulteriori problematiche con le autorità greche, soprattutto per quanto attiene alla costituzione, al funzionamento e al finanziamento del consiglio di gestione del Parco nazionale Schinias-Maratona.

(1)Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche (GU L 206 del 22.7.1992, pag. 7).

GU C 28 E del 06/02/2003 (pag. 226)
Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2003Avviso legale