Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
4 febbraio 2009
E-6884/08E-6901/08
Risposta data da Stavros Dimas a nome della Commissione
Interrogazioni scritte : E-6884/08 , E-6901/08

In risposta alle questioni sollevate dall'onorevole parlamentare in merito alla mattanza delle balene pilota (Globicephala melas e Globicephala macrorhynchus) nelle Isole Faroe, la Commissione desidera formulare le seguenti osservazioni:

La Commissione è consapevole del problema della caccia al globicefalo (Globicephala melas) nelle Isole Faroe ed è preoccupata al riguardo.

La Commissione è attivamente impegnata a garantire la tutela di tutte le specie di cetacei (balene, delfini e focene) e desidera ricordare che la cattura o l'uccisione di cetacei all'interno dell'UE è vietata ai sensi della direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della fauna e della flora selvatiche(1), che include gli obblighi di cui alla convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale in Europa, altresì nota come convenzione di Berna. Ai sensi della stessa direttiva, gli Stati membri vietano anche la vendita o lo scambio di cetacei. Inoltre, è vietata l'introduzione di cetacei nella Comunità a fini prevalentemente commerciali ai sensi del regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio(2), attraverso il quale sono state attuate nell'UE le disposizioni della convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione (CITES).

La legislazione e la politica dell'UE non si applicano alla caccia alle balene pilota praticata nelle Isole Faroe, poiché queste non fanno parte dell'UE. Inoltre la Danimarca, pur avendo firmato la convenzione di Berna, ha incluso, all'interno del suo strumento di ratifica, una dichiarazione in cui afferma che la convenzione non si applica alla Groenlandia e alle Isole Faroe. Pertanto, le possibilità della Commissione di intervenire direttamente nella questione sono purtroppo alquanto limitate. La Commissione, consapevole di avere a disposizione pochissimi mezzi per poter interferire col diritto dei paesi terzi di cacciare le balene pilota all'interno delle loro acque, studierà comunque le modalità migliori per sollevare tale delicata questione nei suoi contatti con le autorità competenti.

Inoltre è importante ricordare che, a livello internazionale, le balene sono protette dalla Commissione baleniera internazionale (International Whaling Commission — IWC), un'organizzazione internazionale per la conservazione e la gestione delle balene. Purtroppo la caccia alle balene pilota non è disciplinata dall'IWC, perché fino a oggi non si è raggiunto un accordo sulle competenze dell'IWC per i piccoli cetacei. Tuttavia, la Commissione europea si augura che, nel quadro delle discussioni in corso sul futuro dell'IWC, l'UE, assieme ad altre parti dell'IWC, riuscirà a risolvere anche quest'ultima importante questione.

(1)GU L 206 del 22.7.1992.
(2)GU L 61 del 3.3.1997.

GU C 316 del 23/12/2009
Ultimo aggiornamento: 11 febbraio 2009Avviso legale