Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
24 gennaio 2012
E-011477/2011
Risposta di Antonio Tajani a nome della Commissione

L'analisi della base dati europea sugli incidenti (CARE) mostra che oltre l'1,6 % (18 200 casi) dell'1 milione e 100 000 incidenti del 2010 è costituito da tamponamenti, cui fa capo il 6 % (2 000) di tutti i 30 800 decessi avvenuti nell'UE.

Nella sua proposta di regolamento sui requisiti di omologazione per la sicurezza generale dei veicoli a motore presentati nel 2008(1), la Commissione ha proposto il montaggio obbligatorio di dispositivi avanzati di frenata d'emergenza su tutti i veicoli commerciali leggeri e pesanti, per il trasporto sia di passeggeri che di merci. La proposta della Commissione stabilisce inoltre che tali dispositivi, se installati volontariamente sulle autovetture, devono rispettare gli stessi requisiti in fatto di rendimento di quelli installati su veicoli commerciali. La valutazione d'impatto(2) che accompagna la proposta indica che questa misura potrebbe, in ultima analisi, evitare circa 5 000 decessi e 50 000 lesioni gravi all'anno in tutta l'UE.

In occasione dell'adozione del regolamento sulla sicurezza generale(3), Parlamento europeo e Consiglio hanno sostenuto la proposta della Commissione per quanto riguarda il montaggio obbligatorio di dispositivi di frenata d'emergenza sui veicoli commerciali, che sarà attuata a partire dal 1o novembre 2013 per i nuovi tipi di veicoli e dal 1o novembre 2015 per tutti i nuovi veicoli.

Nei suoi indirizzi operativi 2011-2020 per la sicurezza stradale(4) la Commissione ha individuato la promozione dell'impiego di tecnologie moderne come uno degli obiettivi strategici per conseguire lo scopo di dimezzare il numero di vittime della strada nell'Unione europea entro il 2020. Nell'ambito di questo obiettivo strategico si è individuata come oggetto di ulteriore valutazione la possibilità di estendere l'applicazione dei sistemi avanzati di assistenza alla guida, come il sistema di avviso di deviazione dalla corsia, il sistema anticollisione o il sistema di riconoscimento dei pedoni, mediante il montaggio su veicoli commerciali e/o privati già esistenti. La Commissione coopererà con gli Stati membri al fine di valutare la fattibilità dell'integrazione su veicoli commerciali e privati di tali sistemi avanzati di assistenza alla guida.

(1)COM(2008)316 definitivo.
(2)http://ec.europa.eu/enterprise/sectors/automotive/files/safety/sec_2008_1908_en_pdf
(3)Regolamento (CE) n. 661/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio del 13 luglio 2009 sui requisiti dell’omologazione per la sicurezza generale dei veicoli a motore, dei loro rimorchi e sistemi, componenti ed entità tecniche ad essi destinati. GU L 200 del 31.7.2009.
(4)COM(2010)389 definitivo.

GU C 180 E del 21/06/2012
Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2012Avviso legale