Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
19 marzo 2012
E-001754/2012
Risposta data da Maria Damanaki a nome della Commissione

Il pacchetto di riforma ha una componente sociale importante: come illustra in maggiore dettaglio il documento informale sulla dimensione sociale della politica comune della pesca (PCP)(1), la sostenibilità sociale è uno degli obiettivi fondamentali della PCP. La PCP riformata si prefigge i seguenti obiettivi sociali a medio e lungo termine:

invertire la tendenza al calo dell'occupazione nel settore della pesca, in particolare nel comparto delle catture;
aumentare l'attrattiva del settore della pesca trasformandolo in una fonte di occupazione di qualità;
assicurare la vitalità delle comunità costiere promuovendo la crescita e l'occupazione;
favorire la transizione a una pesca sostenibile che permetta la ricostituzione degli stock ittici;
liberare le potenzialità di espansione e di creazione di occupazione dell'acquicoltura europea, sia marina sia in acque dolci.

Al conseguimento di questi obiettivi dovranno concorrere tutti gli strumenti della nuova PCP, ma principalmente il nuovo Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP). Rispetto al Fondo europeo per la pesca (FEP), il FEAMP rivoluziona l'approccio al finanziamento pubblico al settore della pesca, spostando l'accento dalle sovvenzioni alle flotte, che vanno a vantaggio soprattutto degli armatori, agli interventi collettivi e alla vitalità delle zone costiere Con il FEAMP si propone quindi di sopprimere la maggior parte delle attuali misure dirette alle flotte dirottando la relativa quota di finanziamenti verso la realizzazione di una pesca e un'acquicoltura vitali e sostenibili e lo sviluppo delle zone dipendenti dalla pesca.

(1)http://ec.europa.eu/fisheries/reform/index_it.htm

GU C 105 E del 11/04/2013
Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2012Avviso legale