Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
12 ottobre 2012
E-007660/2012
Risposta di Janez Potočnik a nome della Commissione

In base alle informazioni in nostro possesso, l'autorizzazione ambientale del cementificio Pederobba, rilasciata ai sensi della Direttiva IPPC, consente di bruciare fino a 60 000 tonnellate di pneumatici l'anno e la Commissione non ha ricevuto indicazioni in merito ad eventuali violazioni delle attuali condizioni dell'autorizzazione.

Nelle relazioni presentate dalle autorità italiane per il 2010, la Commissione non ha trovato indicazioni in merito al superamento del valore obiettivo annuale di benzo(a)pirene per il 2010 nella zona di valutazione della qualità dell'aria in questione.

Per quanto riguarda la qualità dell'aria in generale, la Commissione è stata informata del superamento dei valori limite applicabili per il PM10 nella zona di cui trattasi e ha avviato una procedura di infrazione nei confronti dell'Italia presso la Corte per il mancato rispetto dei valori limite di PM10 in diverse zone di valutazione della qualità dell'aria e per svariati anni(1).

(1)La Commissione ha rinviato il caso (2008/2194) alla Corte ed è in attesa della sentenza.

GU C 229 E del 08/08/2013
Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2012Avviso legale