Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
15 gennaio 2013
E-010206/2012
Risposta di Janez Potočnik a nome della Commissione

Ai sensi della direttiva 2009/147/CE(1) (direttiva «Uccelli selvatici») per tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico nell’UE, gli Stati membri vietano la cattura deliberata e la vendita, il trasporto per la vendita, la detenzione per la vendita, nonché l’offerta in vendita di uccelli vivi e di uccelli morti. Alcune eccezioni sono menzionate nell’articolo 6 della direttiva per le specie elencate nell’allegato III e alcune deroghe possono essere concesse in conformità delle specifiche condizioni di cui all’articolo 9.

Vi sono inoltre una serie di prescrizioni stabilite da regolamenti dell’UE relativi al commercio della flora e della fauna selvatiche che si applicano al commercio di uccelli. Gli animali che vengono o potrebbero essere minacciati di estinzione a causa delle pressioni commerciali sono inclusi negli allegati del regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio, del 9 dicembre 1996, relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio(2). In particolare è vietato il commercio di esemplari prelevati dall’ambiente naturale di cui all’allegato A. Tuttavia, ai sensi del regolamento (CE) n. 865/2006(3) della Commissione, gli uccelli nati e allevati in cattività di cui all’allegato A possono essere oggetto di commercio all’interno dell’UE se marcati mediante inanellatura applicata nei primi giorni di vita dell’animale della zampa recante una marcatura individuale di dimensioni tali da impedirne la rimozione dalla zampa dell’uccello quando questa sia pienamente sviluppata. Il presente regolamento non specifica tuttavia di quale materiale devono essere fatti gli anelli.

È pertanto un chiaro obbligo per le autorità degli Stati membri istituire un sistema opportuno di attuazione e applicazione dei divieti summenzionati e delle relative disposizioni.

(1)Direttiva 2009/147/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, concernente la conservazione degli uccelli selvatici, GU L 20 del 26.1.2010.
(2)GU L 61 del 3.3.1997.
(3)Regolamento (CE) n. 865/2006 della Commissione, del 4 maggio 2006, recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 338/97 del Consiglio relativo alla protezione di specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio, GU L 166 del 19.6.2006.

GU C 320 E del 06/11/2013
Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2013Avviso legale