Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
15 marzo 2013
E-000704/2013
Risposta dell’Alta Rappresentante/Vicepresidente Ashton a nome della Commissione

L’Alta Rappresentante/Vicepresidente è pienamente impegnata nel dialogo sui diritti umani con il Marocco sulla base di quanto previsto in proposito dall’accordo di associazione tra l’UE e il Marocco. Il rispetto dei diritti umani è costantemente affrontato in sede di riunione dei competenti organi congiunti istituiti nell’ambito dell’accordo di associazione tra l’UE e tale paese, e più precisamente nel quadro del sottocomitato UE-Marocco per i diritti umani, la governance e la democrazia.

Negli ultimi anni le relazioni tra l’Unione europea e il Marocco hanno compiuto notevoli progressi contribuendo a un ampio processo di riforma democratica del paese. Sviluppi positivi al riguardo sono rappresentati dal rafforzamento delle libertà fondamentali e dei principi democratici nella nuova Costituzione nonché dalla creazione e dal consolidamento del Consiglio nazionale per i diritti umani.

È necessario, tuttavia, compiere ulteriori progressi, come evidenziano i fatti descritti nell’interrogazione parlamentare. Nel quadro dello «status avanzato» concesso al Marocco, l’Unione europea terrà dunque sotto osservazione l’attuazione delle disposizioni della nuova Costituzione nel settore dei diritti umani e della democrazia.

GU C 354 E del 04/12/2013
Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2013Avviso legale