Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
29 agosto 2013
E-006137/2013
Risposta dell’Alta Rappresentante/Vicepresidente Catherine Ashton a nome della Commissione

Il 27 maggio il Consiglio ha deciso di adottare misure restrittive in tutti i settori oggetto delle sanzioni in vigore al momento, ad esclusione del divieto di esportazioni di armi e materiali che possono essere utilizzati a fini di repressione interna. La decisione è stata adottata conformemente alle procedure di cui agli articoli 29 e 31 del trattato sull’Unione europea, che stabiliscono, fra l’altro, che in questi casi il Consiglio delibera all’unanimità.

Tutti gli Stati membri concordano che occorre dare la priorità ad azioni diplomatiche e alla messa a disposizione di assistenza umanitaria ancora più efficace. L’UE ribadisce che urge trovare una soluzione politica al conflitto e ha accolto con favore l’iniziativa congiunta USA-Russia di organizzare una conferenza di pace sulla Siria per promuovere un processo politico fondato sui principi del comunicato di Ginevra del 30 giugno 2012. L’UE farà il possibile per aiutare a creare le condizioni favorevoli per garantire il successo della conferenza.

GU C 42 E del 13/02/2014
Ultimo aggiornamento: 4 settembre 2013Avviso legale