Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
30 agosto 2013
E-007319/2013
Risposta di Antonio Tajani a nome della Commissione

1.  La Commissione non era a conoscenza dell'indagine epidemiologica condotta dalle autorità sanitarie locali di Trieste in merito a casi di cancro tra gli ex dipendenti della «Ferriera di Trieste». Per la protezione dei lavoratori esposti a sostanze chimiche in generale e a sostanze cancerogene e mutagene in particolare esiste un'ampia legislazione dell'UE(1). Tuttavia, l'applicazione delle disposizioni nazionali comprese le misure in materia di valutazione del rischio e di gestione del rischio rientrano nelle responsabilità delle autorità nazionali.

2. La legislazione dell'UE non prescrive nessuna indagine epidemiologica tra la popolazione che vive vicino a un impianto siderurgico. Pertanto, una decisione a tal fine rientra nelle responsabilità delle autorità competenti dello Stato membro.

3. A giugno la Commissione ha presentato un piano d'azione(2) per una siderurgia europea competitiva e sostenibile al fine di aiutare il settore ad affrontare le sfide odierne e porre le basi per la competitività futura. La Commissione è consapevole delle implicazioni sanitarie e ambientali di certe industrie siderurgiche in Europa e il piano d'azione affronta gli aspetti della produzione economica, dei requisiti occupazionali e delle problematiche ambientali con un approccio omnicomprensivo. In ciò rientra l'invito alla Banca europea per gli investimenti a contemplare la possibilità di erogare finanziamenti ad impianti che rispettino la direttiva sulle emissioni industriali(3) al fine di prevenire danni alla salute umana e all'ambiente.

(1)http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=CONSLEG:1998L0024:20070628:IT:PDF and http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2004:158:0050:0076:IT:PDF.
(2)COM(2013)407.
(3)http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2010:334:0017:0119:IT:PDF.

GU C 81 E del 20/03/2014
Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2013Avviso legale