Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
11 ottobre 2013
E-009477/2013
Risposta di Janez Potočnik a nome della Commissione

La Commissione non è a conoscenza di questo specifico problema di contaminazione delle acque.

Le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS) sono un ampio gruppo di composti. Il monitoraggio svolto sulla scorta della raccomandazione 2010/161/UE ha dimostrato che l’esposizione a tali sostanze attraverso il consumo di alimenti (compresa l’acqua potabile) varia fino a un massimo del 19 % della dose giornaliera ammissibile (DGA) per l’acido perfluorottano sulfonato e un massimo del 2,1 % per l’acido perfluoroottanoico. I prodotti che contribuiscono maggiormente all’esposizione alimentare sono il pesce e altri frutti di mare, la frutta, la carne e i loro derivati, ma notevoli sono le variazioni in termini di esposizione a seconda degli studi e delle fasce d’età e delle diverse abitudini alimentari(1).

La direttiva sull’acqua potabile(2) non stabilisce valori limite per il contenuto di PFAS ma lascia agli Stati membri il compito di fissarli, in conformità all’articolo 5, paragrafo 3, qualora ciò sia necessario per tutelare la salute umana.

La produzione e l’uso di acido perfluorottano sulfonato e dei suoi derivati sono attualmente vietati dal regolamento (CE) n. 850/2004(3) relativo agli inquinanti organici persistenti, che prevede una deroga solo per cinque casi minori.

Secondo le informazioni in possesso della Commissione, la presenza di PFAS nell’acqua potabile è soprattutto un problema locale che dovrebbe ridursi nel tempo per effetto della richiamata legislazione e dello sviluppo di linee guida negli Stati membri.

La Commissione non intende pertanto modificare la direttiva sull’acqua potabile poiché le questioni discusse sono già soggette alla legislazione dell’Unione e, in caso di rischi per la salute, gli Stati membri sapranno intervenire.

(1)Perfluoroalkylated substances in food: occurrence and dietary exposure. EFSA Journal 2012; 10(6):2743 [55 pagg.], disponibile all’indirizzo: http://www.efsa.europa.eu/it/efsajournal/doc/2743.pdf
(2)GU L 330 del 5.12.1998.
(3)GU L 158 del 30.4.2004.

GU C 88 E del 27/03/2014
Ultimo aggiornamento: 14 ottobre 2013Avviso legale