Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
30 gennaio 2014
E-013392/2013
Risposta di Janez Potočnik a nome della Commissione

Gli attuali livelli di inquinamento atmosferico nell'UE sono all'origine di circa 400 000 decessi prematuri e incidono negativamente anche sul benessere dei cittadini, sull'economia e sull'ambiente. I valori limite di qualità dell'aria(1) nell'UE per il particolato (PM2.5) e il biossido di azoto (NO2) sono ampiamente superati in molti Stati membri, così come gli standard di qualità fissati per l'ozono troposferico e altri inquinanti. L'Agenzia europea dell'ambiente predispone una relazione annuale che sintetizza queste stime per ciascuno degli Stati membri(2).

La Commissione ha presentato una nuova strategia per ridurre l'inquinamento atmosferico il 18 dicembre 2013. Tale strategia contiene proposte legislative per la riduzione dei massimali nazionali di emissione e per nuove norme sulle emissioni per i principali inquinanti come il particolato. Questa strategia è intesa a ridurre l'inquinamento atmosferico e garantire benefici per la salute dei cittadini.

(1)Direttive 2008/50/CE e 2004/107/CE.
(2)Ad esempio relazione AEA n. 9/2013, consultabile nel sito: http://www.eea.europa.eu/publications/air-quality-in-europe-2013

GU C 239 del 23/07/2014
Ultimo aggiornamento: 18 febbraio 2014Avviso legale