Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
24 febbraio 2017
E-008535/2016
Risposta di Margrethe Vestager a nome della Commissione

Spetta alla Commissione monitorare in generale i settori economici, compreso quello farmaceutico, per quanto riguarda le pratiche anticoncorrenziali. Pertanto, possibili abusi di posizione dominante da parte di un’impresa nel settore farmaceutico rientrano nell'ambito di intervento della Commissione ai sensi dell’articolo 102 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE).

In particolare, la Commissione ha lavorato in stretta cooperazione con le autorità nazionali garanti della concorrenza in merito a una serie di recenti indagini nazionali relative ai prezzi eccessivi dei medicinali. A tale riguardo, la Commissione ha sostenuto la recente decisione dell’autorità italiana garante della concorrenza nei confronti di Aspen Pharma.

Tuttavia, un’eventuale indagine della Commissione deve necessariamente essere effettuata caso per caso tenendo conto di tutti i fatti e le circostanze pertinenti. Si dovrebbe valutare il fatto che la determinazione dei prezzi e i rimborsi nel settore farmaceutico sono rigidamente regolamentati dagli Stati membri. Inoltre, la spesa pubblica rappresenta la maggior parte delle spese per i medicinali nell’Unione. Tali elementi a prima vista non sembrano suffragare l'utilità di un’eventuale indagine della Commissione sulle questioni cui gli onorevoli deputati fanno riferimento.

Ultimo aggiornamento: 3 marzo 2017Avviso legale