Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
27 febbraio 2017
E-009616/2016
Risposta di Carlos Moedas a nome della Commissione

La Commissione è a conoscenza dei risultati positivi che sarebbero stati ottenuti nel campo delle reazioni nucleari a bassa energia (LENR).

Come indicato dall’onorevole deputato, questo settore comprende un’ampia gamma di fenomeni apparentemente non correlati che sembrano prefigurare la possibilità di eventi nucleari a livelli di energia relativamente bassi, tuttavia ciò è ancora oggetto di discussione nella comunità scientifica e non vi è accordo unanime sui meccanismi alla base dei risultati sperimentali. Ciononostante, una parte di questi risultati sarebbero stati recentemente replicati, in alcuni casi da ricercatori o laboratori rinomati.

In linea di principio tali ricerche potrebbero essere sostenute dalle cosiddette azioni «bottom-up» del programma Orizzonte 2020(1), ad esempio nell’ambito del Consiglio europeo della ricerca(2) e delle tecnologie future ed emergenti(3), ma la crescente quantità di prove e di investimenti da parte delle imprese e dei governi al di fuori dell’Europa potrebbe in effetti richiedere una revisione e valutazione approfondite dei risultati ottenuti fino ad oggi al fine di decidere se finanziare la ricerca in questo settore.

(1)Programma quadro dell'UE per la ricerca e l'innovazione (2014-2020).
(2)https://erc.europa.eu/
(3)http://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/en/h2020-section/future-and-emerging-technologies

Ultimo aggiornamento: 3 marzo 2017Avviso legale