Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
18 gennaio 2018
E-007194/2017
Risposta di Corina Crețu a nome della Commissione

Il progetto riguardante il porto di Augusta, nell'ambito del programma del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) «Infrastrutture e reti», consiste nell'ultimazione degli interventi iniziati durante il periodo 2007-2013. Secondo le regole del periodo attuale, il progetto non è considerato un «grande progetto» e non è stata necessaria alcuna notifica in merito alla seconda fase.

Il progetto, che prevede il cofinanziamento del FESR 2014-2020, consiste nell'ampliamento del bacino e nella messa in funzione del bacino per container. Secondo una relazione della Corte dei Conti sui porti europei(1), la portata del progetto è stata ridotta: l'ampliamento dell'area di servizio, inizialmente pianificato, è stato escluso.

Per quanto riguarda la stazione ferroviaria di Punta Cugno, non è previsto alcun intervento nell'ambito del progetto cofinanziato dal FESR. Alla luce di quanto precede, lo Stato membro non è tenuto a comunicare alcuna modifica agli interventi che esuli dalla portata del progetto, e non ha comunicato nulla.

(1)Relazione speciale della CCE n. 23/2016: Il trasporto marittimo dell'UE è in cattive acque: molti investimenti risultano inefficaci e insostenibili.

Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2018Avviso legale