Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
18 aprile 2018
E-000893/2018
Risposta di Věra Jourová a nome della Commissione

La Commissione è consapevole ed esprime preoccupazione per gli episodi di discriminazione e razzismo riguardanti le persone di discendenza africana in Europa.

La Commissione monitora l’osservanza da parte degli Stati membri della normativa UE in materia di lotta alle discriminazioni(1) e lotta contro il razzismo e la xenofobia(2), che definisce il quadro per una risposta comune alla discriminazione, all’incitamento all’odio e ai reati generati dall’odio basati, tra l’altro, su sesso, colore, ascendenza e origine nazionale o etnica.

La Commissione, inoltre, assiste gli Stati membri per garantire l’effettiva attuazione della legge e migliorare le risposte alla discriminazione e al razzismo, anche nei confronti delle persone di discendenza africana.

In questo contesto, lo scorso dicembre 2017 la Commissione ha promosso, mediante il gruppo di alto livello dell’UE per la lotta contro il razzismo, la xenofobia e altre forme di intolleranza(3), una discussione tra esperti sull’afrofobia, anche sulla base del decennio internazionale per le persone di origine africana.

Questi lavori intendono inoltre informare sull’impegno delle autorità nazionali e della società civile a rafforzare l’azione a livello nazionale. A tal fine, la prevenzione e la lotta all’afrofobia sono state incluse tra le priorità dell’ultimo invito a presentare proposte in materia di razzismo nell’ambito del programma Diritti, uguaglianza e cittadinanza(4) del 2018.

La Commissione non prevede la nomina di un coordinatore per l’afrofobia.

(1)In particolare, direttiva 200/43/CE che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica.
(2)Decisione quadro 2008/913/GAI del Consiglio, del 28 novembre 2008, sulla lotta contro talune forme ed espressioni di razzismo e xenofobia mediante il diritto penale.
(3)http://ec.europa.eu/newsroom/just/item-detail.cfm?item_id=51025
(4)L’invito fa parte di quelli pubblicati nell’ambito del programma di lavoro annuale del 2018:http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/rec/topics/rec-rrac-raci-ag-2018.html

Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018Avviso legale