Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
17 luglio 2018
E-002793/2018
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione

La Commissione non è al corrente della situazione delineata dagli onorevoli deputati in merito all’acqua potabile in alcuni comuni della Basilicata. Le autorità nazionali non sono attualmente tenute a comunicare alla Commissione problemi di questo tipo o analisi delle acque, né la Commissione raccoglie informazioni relative alle risorse idriche locali. L’articolo 8 della direttiva sull’acqua potabile(1) impone agli Stati membri di garantire che siano adottati provvedimenti correttivi in caso di mancato rispetto dei valori di parametro. Il fatto che nella zona interessata sia stato limitato l’utilizzo dell’acqua potabile in cui i trialometani superano i valori di parametro, soddisfa pertanto i requisiti della suddetta direttiva.

Il 1° febbraio 2018 la Commissione ha adottato una proposta di revisione della direttiva sull’acqua potabile(2). La proposta suggerisce di rafforzare sensibilmente la trasparenza e garantire che i più recenti risultati dei controlli siano disponibili online, in modo da semplificare l’accesso del pubblico a informazioni chiare circa la qualità e la fornitura di acqua potabile. I colegislatori stanno attualmente discutendo la proposta.

La Commissione è consapevole del fatto che in alcuni Stati membri dell’UE, ma non in Italia, i valori di parametro per i trialometani sono stati superati, e ha pertanto emesso segnalazioni a riguardo. In generale, i parametri per i trialometani registrano comunque un elevato livello di conformità. L’ultima relazione di sintesi a livello UE per il periodo 2011-2013(3) ha registrato un livello di conformità ai parametri per i trialometani del 99,73 %.

(1)Direttiva 98/83/CE del Consiglio, del 3 novembre 1998, concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano (GU L330 del 5.12.1998, pag. 32).
(2)Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano (rifusione) (COM/2017/0753 final).
(3)Relazione COM(2016) 666 final: http://ec.europa.eu/environment/water/water-drink/reporting_en.html

Ultimo aggiornamento: 20 luglio 2018Avviso legale