Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
16 agosto 2018
E-002948/18E-002853/18
Risposta congiunta di Günther Oettinger a nome della Commissione europea
Interrogazioni scritte: E-002948/18 , E-002853/18

Per quanto riguarda i fondi gestiti direttamente dalla Commissione, sono stati identificati nel sistema centrale di contabilità tre enti quali potenziali beneficiari corrispondenti all'organizzazione segnalata dagli onorevoli deputati(1). Sulla base delle informazioni ricavate dal sistema centrale di contabilità, la Commissione conferma di aver assunto impegni con i tre enti per un importo totale di circa 200 milioni di EUR tra il 2014 e il 2018.

Per le attività appaltate la Commissione si attiene alle disposizioni in materia stabilite dal regolamento finanziario (titolo V). I documenti di gara e in particolare i modelli di contratto a disposizione dei servizi della Commissione contengono clausole e misure per la gestione dei rischi, come quelle citate dagli onorevoli deputati nelle loro interrogazioni, intese a tutelare gli interessi dell'UE (ad es. in materia di conflitto di interessi, interessi professionali confliggenti e riservatezza). Presa la decisone di affidare a terzi un determinato compito e bandita la relativa gara d’appalto, si aggiudicherà l'appalto il concorrente che ha presentato l'offerta economicamente più vantaggiosa.

(1)Si tratta di: MOSTRA, ICF CONSULTING SERVICES LIMITED* e ICF CONSULTING LTD*.

Ultimo aggiornamento: 11 settembre 2018Avviso legale