Parlamento Europeo

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
12 agosto 2011
P-006462/2011
Risposta data da Janez Potočnik a nome della Commissione

La Commissione rammenta che nel 2009 ha avviato un procedimento d'infrazione (2009/2264) nei confronti dell'Italia relativo, fra l'altro, al recepimento della direttiva RAEE(1) per mezzo del decreto legislativo 151/2005, quale modificato dai successivi decreti nazionali. Allo stato attuale la Commissione ritiene che i risultati delle indagini riferite dall'onorevole parlamentare sollevino dubbi circa l'effettiva attuazione della direttiva in Italia e mirino a confermare l'analisi della Commissione relativamente alle modalità di recepimento della direttiva nell'ordinamento italiano.

La Commissione si baserà pertanto sulle suddette indagini, al fine di valutare le risposte fornite dalle autorità italiane nell'ambito del procedimento d'infrazione, onde decidere le ulteriori iniziative da adottare per garantire che la Repubblica italiana si adegui alla direttiva RAEE.

Per quanto riguarda i dettagli relativi alla corrispondenza intercorsa fra la Commissione e le autorità italiane, in questa fase non è possibile divulgare i particolari inerenti il procedimento d'infrazione, al fine di garantire la riservatezza durante le indagini(2). La Commissione comunicherà le ulteriori decisioni adottate in merito.

(1)GU L 37 del 13.2.2003, pag. 24.
(2)Cfr. sentenza del Tribunale di primo grado, dell'11 dicembre 2001 nella causa T-191/99, David Petrie e altri contro Commissione, par. 68.

GU C 128 E del 03/05/2012
Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2011Avviso legale