Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
20 novembre 2013
E-013201-13
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 117 del regolamento
Andrea Zanoni (ALDE)

 Oggetto:  Moria degli uccelli catturati con le reti in deroga alla direttiva 2009/147/CE e mancanza di attuazione di metodi alternativi alle deroghe previste dall'art.9 della direttiva
 Risposta(e) 

In relazione alla propria interrogazione del 4 ottobre 2013 con oggetto «Cattura di uccelli in Veneto con mezzi vietati dalla direttiva Uccelli» e alla risposta della Commissione(1) del 15.11.2013 lo scrivente evidenzia quanto segue.

Molti uccelli selvatici catturati in deroga alla direttiva 2009/147/CE muoiono durante le prime ore di detenzione a causa dello stress causato dal mezzo di cattura, le reti, e dal contatto con l'uomo. In merito si invita la Commissione a visionare il filmato realizzato da ignoti in un centro di distribuzione dei richiami vivi(2) dal quale risulta che alcuni soggetti di Tordo sassello, Tordo bottaccio e Merlo, detenuti tra l'altro in singole cellette privi di acqua e cibo, erano deceduti dopo la cattura.

Si evidenzia inoltre che la delibera del 28 giugno 2013(3), con la quale la Regione Veneto ha autorizzato l'esercizio di ben 37 impianti con reti per la cattura di 14.000 uccelli a fini di richiamo per la stagione 2013/2014, a differenza delle delibere delle stagioni precedenti, nelle sue premesse non ha più citato il «Progetto Turdus». Questo progetto prevedeva una ricerca sperimentale per l'attività di allevamento degli uccelli usati come richiami vivi tesa a dimostrare che la Regione Veneto si impegnava a trovare «altre soluzioni soddisfacenti», così come richiesto dal comma 1 dell'art. 9 della direttiva 2009/147/CE e dall'ISPRA(4), che con lettera del 24 maggio 2013 ha dato alla Regione Veneto parere sfavorevole in merito alla cattura in deroga per la stagione 2013/2014 e ha sottolineato la necessità di metodi alternativi alla cattura, quali l'allevamento. L'ente regionale responsabile del progetto, Veneto Agricoltura, in seguito a una richiesta dello scrivente, con lettera del 22.10.2013(5) ha confermato la cessazione del progetto a causa del mancato finanziamento per l'anno 2013. La Regione Veneto pertanto, con la chiusura del progetto, ha cessato ogni attività per mettere in pratica le alternative alle deroghe richieste dalla direttiva 2009/147/CE e dall'ISPRA.

Può la Commissione riferire se la Regione Veneto e le altre regioni italiane che autorizzano la cattura in deroga di uccelli selvatici a fini di richiami vivi comunicano, anche ai fini di cui al comma 4 dell'art.9 della direttiva: a) il numero di uccelli deceduti durante e dopo le operazioni di cattura, appartenenti a specie protette e a specie catturabili, e b) il numero degli uccelli protetti catturati?

(1) Risposta con numero E-011412/2013.
(2) Link filmato: http://youtu.be/uN1DSnjNiA8
(3) Delibera della Giunta Regionale numero 1099.
(4) Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale.
(5) Lettera con protocollo numero 29420.

 GU C 237 del 22/07/2014
Ultimo aggiornamento: 6 dicembre 2013Avviso legale