Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
4 novembre 2014
E-008705-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Ignazio Corrao (EFDD) , Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Situazione dei rom in Italia
 Risposta(e) 

In Italia la presenza di persone di etnia rom è stimata fra le 130 000 e le 170 000 unità, di cui circa la metà sono cittadini italiani e il 60 % sono minori.

Ad Arpinova, borgo rurale in provincia di Foggia, si trova un campo nomadi in cui vivono 184 adulti e 151 minori. Le condizioni di vita sono pessime: basti citare, ad esempio, la mancanza di fognature, con dispersione dei liquami nei terreni agricoli limitrofi; i rifiuti che, a causa della discontinuità della raccolta, vengono settimanalmente bruciati in loco, con conseguente rilascio di diossine e sostanze tossiche; l'allaccio di impianti elettrici abusivi alla rete pubblica e la mancata scolarizzazione della maggioranza dei bambini.

Viste le comunicazioni della Commissione COM(2011) 173 e COM(2012) 226 nonché la raccomandazione del Consiglio 2013/C 378/01, e considerato che l'Italia, nell'ambito del quadro UE per le strategie nazionali di integrazione dei rom fino al 2020 (COM(2012) 226), ha previsto solo alcune delle misure specificate al paragrafo 2.1, lettere (a), (b), (c) e (d), al paragrafo 2.2, lettere (a) e (b), e al paragrafo 2.3, può la Commissione far sapere:
1. se è a conoscenza della situazione del campo-ghetto rom di Arpinova?
2. se intende formulare raccomandazioni specifiche per l'Italia com'è stato fatto nel maggio 2013 per la Bulgaria, la Repubblica Ceca, l'Ungheria, la Romania e la Slovacchia?
Ultimo aggiornamento: 20 novembre 2014Avviso legale