Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

O-0152/2009 (B7-0238/2009)

Discussioni :

PV 15/12/2009 - 20
CRE 15/12/2009 - 20

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Martedì 15 dicembre 2009 - Strasburgo Edizione GU

20. Difesa del principio di sussidiarietà – Esposizione di simboli religiosi e culturali in luoghi pubblici (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Magdi Cristiano Allam (PPE ). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, se dovessimo guardare al fatto che siamo in quattro gatti in questo momento a parlare della questione del crocifisso, considerare che per parlare del crocifisso dobbiamo invocare la questione della sussidiarietà, non possiamo non trarre la conclusione che ci troviamo in un'Europa che si vergogna della verità storica delle proprie radici giudaico-cristiane, della verità storica del cristianesimo che, come disse Goethe, è la lingua comune dell'Europa.

All'interno del Parlamento europeo ci sono 23 lingue ufficiali che attestano come non ci sia nulla che tiene unita l'Europa se non il cristianesimo. Vorrei domandare al Commissario Barrot perché, dopo che in Svizzera un referendum popolare ha decretato il no ai minareti, la Commissione europea, l'Unione europea, le Nazioni Unite, la Lega araba, l'Organizzazione della Conferenza islamica, si sono tutte mobilitate per condannare l'esito di quel referendum – pur essendo la Svizzera un paese che non fa parte dell'Unione europea – e oggi assumete un atteggiamento di neutralità rispetto a una questione che riguarda le nostre radici, la nostra identità, la nostra anima?

 
Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2010Avviso legale