Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 12 ottobre 2011 - Bruxelles Edizione rivista

16. Situazione nello Yemen, nel Bahrein, in Siria e in Egitto (discussione)
PV
MPphoto
 

  Magdi Cristiano Allam (PPE ). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, il massacro dei cristiani in Egitto è soltanto l'ultimo atto di una lunga serie di atrocità che si perpetuano innanzitutto su un piano istituzionale, dove i cristiani sin dalla nascita vengono marchiati, comparendo la menzione della religione su tutti i documenti ufficiali, e nel momento in cui la Costituzione afferma che in Egitto la religione ufficiale dello Stato è l'Islam e la sharia, la legge coranica, è la fonte principale della legislazione.

I cristiani oggi in Egitto sono il 10% della popolazione. Nel VII secolo erano il 99%. Dal 1945 dieci milioni di cristiani hanno abbandonato la sponda meridionale e orientale del Mediterraneo. Negli ultimi sei mesi 93.000 cristiani hanno abbandonato l'Egitto. Questa è pulizia etnica.

Io chiedo alla baronessa Ashton di andare al di là delle denunce e al di là di risoluzioni che non abbiano delle conseguenze e degli atti concreti. Se in Libia abbiamo pensato a bombardare quella popolazione, credo che in Egitto dobbiamo come minimo contemplare l'adozione di sanzioni per far rispettare i diritti fondamentali della persona e i valori assoluti e universali che sono la sacralità della vita, la pari dignità tra le persone e la libertà religiosa.

 
Ultimo aggiornamento: 2 marzo 2012Avviso legale