Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2013/2091(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0434/2013

Testi presentati :

A7-0434/2013

Discussioni :

PV 13/01/2014 - 22
CRE 13/01/2014 - 22

Votazioni :

PV 14/01/2014 - 5.11

Testi approvati :

P7_TA(2014)0011

Discussioni
Lunedì 13 gennaio 2014 - Strasburgo Edizione rivista

22. Crisi alimentare, frode nella catena alimentare e relativi controlli (breve presentazione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 
 

  Paolo Bartolozzi (PPE ), per iscritto. La sicurezza alimentare e la tutela della salute dei consumatori sono da sempre state al centro dell'interesse dell'Unione Europea la quale vanta un quadro legislativo completo ed avanzatissimo in questi settori. A questi aspetti, tuttavia, si è aggiunta la questione correlata della frode alimentare, alla quale è stata rivolta un'attenzione sempre maggiore a seguito di gravi scandali e casi di etichettatura fraudolenta e di altre frodi alimentari che, oltre a porre serie minacce alla salute dei cittadini, hanno avuto serie ed estese ripercussioni sulla catena alimentare dell'UE. E' quindi emersa con chiarezza l'esigenza di una migliore sistemazione normativa della frode alimentare a livello europeo e, in particolare, della sua portata, nonché dei fattori che contribuiscono alla sua comparsa e delle possibili soluzioni, in modo da tutelare un settore che, con i suoi 48 milioni di posti di lavoro e un valore di 715 miliardi di euro all'anno, rappresenta uno dei settori portanti per l'economia dell'UE. L'interesse è quello di garantire una migliore e completa tutela della salute pubblica dei cittadini europei, nonché la loro libertà di scelta in campo alimentare.

 
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2014Avviso legale