Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2013/2194(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

A7-0066/2014

Discussioni :

PV 25/02/2014 - 4
CRE 25/02/2014 - 4

Votazioni :

PV 25/02/2014 - 5.21

Testi approvati :

P7_TA(2014)0130

Discussioni
Martedì 25 febbraio 2014 - Strasburgo Edizione rivista

4. Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: Analisi annuale della crescita 2014 - Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: occupazione e aspetti sociali - Governance del mercato unico (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Magdi Cristiano Allam (EFD ). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, il nuovo Semestre europeo è ancora all'insegna della politica di austerità.

In Italia stiamo morendo di austerità. Siamo uno stato ricco ma la popolazione diventa sempre più povera: ci sono 4.100.000 italiani che non hanno i soldi per comprare il pane, la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 42%, i disoccupati sono aumentati di 1.700.000 e si sono persi 1.100.000 posti di lavoro. Nel 2013, 149 italiani si sono suicidati, uno ogni due giorni e mezzo. È un bollettino di guerra che continua a mietere vittime. Questa è una vera e propria guerra mondiale di natura finanziaria.

Mi domando come possa questa eurocrazia continuare ad accanirsi nei confronti della spesa pubblica, della guerra ad oltranza contro l'evasione fiscale, quando è del tutto palese che il problema principale è il debito, il debito dello Stato, delle imprese, delle banche, delle famiglie, complessivamente 5.517 miliardi, pari a 326% del PIL che gravano per 220 miliardi di interessi annui ...

(Il Presidente interrompe il relatore)

 
Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2014Avviso legale