Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 25 febbraio 2014 - Strasburgo Edizione rivista

6.16. Fondo di aiuti europei agli indigenti (A7-0183/2013 - Emer Costello)
Video degli interventi
MPphoto
 

  Paolo Bartolozzi (PPE ). - Vorrei sottolineare l'importanza di questo atto di oggi, dell'approvazione del Fondo di aiuti europei agli indigenti, un atto importante che segna da parte dell'Unione europea la necessità di andare incontro a una povertà che, anche nel nostro continente, si sta manifestando sempre di più.

Il nuovo Fondo prevede la continuazione del sostegno comunitario per la fornitura di aiuti alimentari, ma a questi ha dovuto affiancare anche beni di consumo di prima necessità come i vestiti, le calzature o i prodotti per l'igiene personale, nonché misure di inclusione sociale.

L'aumento di questo stanziamento per l'implementazione del Fondo è di 3 miliardi e mezzo di euro, rispetto ai 2 miliardi e mezzo precedenti, ed è previsto il rafforzamento dei principi del partenariato in tutte le varie fasi del programma. Cosa secondo me molto importante è quella di coinvolgere tutte le organizzazioni di beneficienza e le ONG attive nel sociale che dovranno pienamente controllare e attivarsi per questa realizzazione.

È un atto importante e questa relazione è un segnale forte del sostegno dell'Unione europea verso i milioni di suoi cittadini che a oggi sono a rischio di povertà o di esclusione sociale e che versano in un grave stato di indigenza.

 
Ultimo aggiornamento: 2 maggio 2014Avviso legale