Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2013/0124(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A7-0386/2013

Testi presentati :

A7-0386/2013

Discussioni :

PV 11/03/2014 - 20
CRE 11/03/2014 - 20

Votazioni :

PV 12/03/2014 - 8.17
CRE 12/03/2014 - 8.17

Testi approvati :

P7_TA(2014)0224

Discussioni
Martedì 11 marzo 2014 - Strasburgo Edizione rivista

20. Libera circolazione dei lavoratori (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 
 

  Paolo Bartolozzi (PPE ), per iscritto. L'accordo raggiunto con il Consiglio sulla proposta di direttiva relativa alle misure intese ad agevolare l'esercizio dei diritti di libera circolazione dei lavoratori dell'Ue mira a instaurare un quadro comune generale di disposizioni e misure volte a facilitare l'applicazione migliore e più uniforme dei diritti conferiti dalla legislazione UE ai lavoratori e ai loro familiari che esercitano il diritto alla libera circolazione. Tale quadro, dando piena soddisfazione alle richieste espresse in tal senso e a più riprese dallo stesso Parlamento europeo, rende più efficace l'implementazione di quanto previsto dallo stesso trattato sul funzionamento dell'Unione europea, dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea e dal regolamento n. 492/2011 relativo alla libera circolazione dei lavoratori all'interno dell'UE. Il testo approvato predispone una serie di misure di sostegno alla mobilità lavorativa e sociale così come di promozione della parità di trattamento e non discriminazione dei lavoratori migranti, favorendo il rafforzamento da un lato dello stesso mercato unico e, dall'altro, di un diritto fondamentale di tutti i cittadini europei.

 
Ultimo aggiornamento: 9 maggio 2014Avviso legale