Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 3 aprile 2014 - Bruxelles Edizione rivista

9.10. Dispositivi medici (A7-0324/2013 - Dagmar Roth-Behrendt)
Video degli interventi
MPphoto
 
 

  Paolo Bartolozzi (PPE ), per iscritto . - Abbiamo approvato la risoluzione legislativa che, relativamente alla proposta di regolamento sui dispositivi medici, ne chiude la prima lettura. Un passo proceduralmente necessario vista l'impossibilità di aprire i triloghi con il Consiglio e l'imminente conclusione dell'attuale legislatura.

Si consegna così alle prossime fasi negoziali un dossier estremamente importante che, parallelamente alla proposta sui dispositivi medico-diagnostici in vitro, attua un riesame del contesto normativo di riferimento, che era fermo agli anni '90, per attualizzarlo, rafforzarlo e superarne le divergenze interpretative nei vari Stati membri.

Il testo uscito dal voto del Parlamento si è posto come obiettivo primario la difesa della salute dei pazienti europei. Ciò attraverso una migliore e maggiore definizione delle garanzie poste a loro tutela, un monitoraggio più rigoroso, una più precisa esplicitazione degli obblighi dei fabbricanti e degli operatori sanitari, un più definito sistema di tracciabilità, enti di certificazione più adeguati e la creazione di un portale europeo per la segnalazione degli incidenti. Grande attenzione è stata rivolta anche al settore dei dispositivi medici, al fine di garantirne e tutelarne la concorrenzialità, vista la sua estrema importanza in termini di innovazione e occupazione per la realtà europea. L'auspicio è che si continui a mantenere questa impostazione.

 
Ultimo aggiornamento: 16 maggio 2014Avviso legale