Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 13 gennaio 2015 - Strasburgo Edizione rivista

16. Donne nei consigli di amministrazione (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). - Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario, anch'io credo che il blocco che si è determinato in Consiglio sul provvedimento che stiamo discutendo è semplicemente vergognoso, non ha nessuna ragione. L'opposizione al provvedimento è di carattere puramente ideologico, con argomenti senza fondamento. Lei chiedeva giustamente qualche indicazione, qualche parere su come forzare questo stato di cose; provo a dirle rapidamente quello che penso io.

La parità di genere è un diritto fondamentale della persona, che oggi viene negato dall'ostilità del Consiglio. La parità di genere per le cose che Lei ha sentito riferite qui e anche in paesi che hanno fatto esperienze importanti, è un grande vantaggio per il sistema produttivo, perché le donne sono portatrici di un punto di vista particolare, di una cultura importante e di conoscenze che spesso gli uomini non hanno. Per questo, credo che sia molto importante, da un lato, avere le quote, perché la sola volontarietà non basta e, dall'altra parte, avere le sanzioni. Usi, se ritiene, tutti questi argomenti per sbloccare una situazione oggettivamente insopportabile, non si può parlare di Europa dei diritti fin quando rimangono discriminazioni di questa natura.

 
Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2015Avviso legale