Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 10 febbraio 2015 - Strasburgo Edizione rivista

3. Iniziative nell'ambito delle discussioni dell'Organizzazione internazionale del lavoro sul diritto di sciopero (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ), risposta a una domanda "cartellino blu" . – Io credo che qualunque consesso nazionale o sovranazionale, che ha a cuore il valore del lavoro, il valore sociale del lavoro e la dignità delle persone che lavorano, dovrebbe garantire sempre i tre diritti fondamentali che ho ricordato: quello di organizzarsi, quello di contrattare e quello di poter utilizzare lo sciopero come strumento.

Se poi esistono condizioni o ragioni per tutelare, soprattutto nel campo dei servizi, gli utenti che possono essere coinvolti anche negativamente da un libero esercizio di un diritto, allora a quel punto siano le organizzazioni a stabilire quali sono le forme e le modalità per difendersi.

 
Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2015Avviso legale