Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2014/2212(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

A8-0018/2015

Discussioni :

PV 11/03/2015 - 7
CRE 11/03/2015 - 7

Votazioni :

PV 11/03/2015 - 9.17

Testi approvati :

P8_TA(2015)0069

Discussioni
Mercoledì 11 marzo 2015 - Strasburgo Edizione rivista

7. Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: aspetti occupazionali e sociali nell'analisi annuale della crescita 2015 - Semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche: analisi annuale della crescita 2015 - Governance del mercato unico nell'ambito del Semestre europeo 2015 (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, è condiviso da tutti oramai che l'obiettivo principale che dobbiamo perseguire è quello della crescita. Per far crescere le economie europee è necessario avere un piano di sviluppo basato sugli investimenti, bisogna abbandonare l'ideologia del rigore che ha prodotto tanti danni e bisogna avere anche il luogo dove queste politiche si intreccino tra di loro. Per questo motivo è molto importante il terzo pilastro: il mercato interno è il luogo dove si possono concretamente dare impulsi consistenti alle politiche di sviluppo.

Però bisogna che anche le politiche abbiano qualche elemento di raccordo tra di loro e di coerenza. Mi spiace dover notare che il documento della commissione per i problemi economici e monetari è in netta contraddizione con quello che invece contengono i documenti del tutto apprezzabile sia della commissione IMCO che della commissione EMPL.

Ci sono ipotesi nuove che devono essere sostenute ma per sostenerle servono politiche, ahimè, molto diverse da quelle che ancora vengono indicate nel documento che andremo a votare tra poco.

 
Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2015Avviso legale