Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2013/0403(COD)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0140/2015

Testi presentati :

A8-0140/2015

Discussioni :

PV 06/10/2015 - 14
CRE 06/10/2015 - 14

Votazioni :

PV 07/10/2015 - 10.3

Testi approvati :

P8_TA(2015)0338

Discussioni
Martedì 6 ottobre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

14. Procedimento europeo per le controversie di modesta entità e procedimento europeo di ingiunzione di pagamento (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signora Presidente, onorevoli colleghi, Commissario, questo regolamento rappresenta un importante strumento a disposizione dei cittadini e delle piccole e medie imprese e le modifiche su cui si è trovato un accordo tra le Istituzioni europee sono positive perché ne migliorano l'efficacia e ne allargano il campo di applicazione, fissando anche un percorso possibile di ulteriori passi in avanti nel futuro.

Risultato importante per il Parlamento, dicevo, perché ottiene miglioramenti sul tema di procedure sempre più efficaci a disposizione di cittadini ed imprese, procedure che sono implementabili in tutta l'Unione europea. Questo si aggiunge ai passi in avanti su questa grande sfida compiuti nella scorsa legislatura, per esempio sul tema del sequestro conservativo dei beni di debitori, grazie all'impegno ancora una volta del Parlamento. Questi temi possono sembrare minori, ma sono essenziali per creare nei cittadini la percezione reale di essere parte di un cammino e di una comunità, parte di un progetto comune e per migliorare le loro condizioni di vita materiali in un ambiente in cui lo spostamento, i rapporti e le attività transfrontaliere sono all'interno dell'Unione europea sempre più frequenti, così come sono sempre più frequenti casi giudiziari che hanno effetti e implicazioni per coloro che lavorano tra un paese e l'altro.

Adesso bisogna implementare queste norme, a partire proprio dall'esigenza di dare ulteriori risposte ai bisogni dei transfrontalieri.

 
Ultimo aggiornamento: 21 dicembre 2015Avviso legale