Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/2066(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0317/2015

Testi presentati :

A8-0317/2015

Discussioni :

PV 24/11/2015 - 10
CRE 24/11/2015 - 10

Votazioni :

PV 25/11/2015 - 9.5
CRE 25/11/2015 - 9.5

Testi approvati :

P8_TA(2015)0408

Discussioni
Martedì 24 novembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

10. Decisioni anticipate in materia fiscale (tax ruling) e altre misure analoghe per natura o effetto (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signora Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, la discussione che stiamo facendo, ha grande importanza perché, come lei sa, l'Europa ha bisogno di crescere. Per poterlo fare deve disporre di un'economia che sia in grado di competere nel mercato globale. La competizione è il fulcro della discussione e degli atti da accompagnare alla discussione che stiamo facendo.

Cos'è la competizione oggi? Siamo precipitati come lei sa dall'esortazione altissima di Jacques Delors di competere sulla conoscenza e sulla qualità a LuxLeaks. Il non pagare le tasse o proporre soluzioni di tax ruling fuori da qualsiasi regola è non solo un elemento di ingiustizia sociale, sia per le imprese che per i cittadini delle loro comunità, ma è anche un modo improprio e sbagliato, di competere tra gli Stati.

Per questo io credo che i contenuti e le proposte formulate nella relazione della commissione TAXE, quelle relative alla trasparenza e al coordinamento di tax ruling , quelle sulla base imponibile comune, quelle sulla protezione degli informatori, quella sul country-by-country , siano molto importanti.

Noi abbiamo delle occasioni che devono essere colte in positivo. Una, è quella di dare il mandato alla commissione per continuare e completare il suo lavoro. L'altra, riguarda la Commissione europea. Io credo che se la Commissione si approntasse ad accettare le proposte che sono contenute nella relazione e nella proposta sulla direttiva per gli azionisti, faremmo un passo immediato nella direzione giusta.

Aspetto di vedere atti concreti.

 
Ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2016Avviso legale