Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/2981(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

RC-B8-1394/2015

Discussioni :

PV 17/12/2015 - 2
CRE 17/12/2015 - 2

Votazioni :

PV 17/12/2015 - 9.12

Testi approvati :

P8_TA(2015)0473

Discussioni
Giovedì 17 dicembre 2015 - Strasburgo Edizione rivista

2. Brevetti e privativa per i ritrovati vegetali (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, come ha ben sentito, tutte le famiglie politiche sono preoccupate da questo comportamento della Commissione che interpreta le direttive di volta in volta in maniera difforme.

Nel caso specifico la contrarietà che Le è stata espressa all'uso dei brevetti nasce proprio dal ricorso che la Commissione ha fatto all'Ufficio europeo, soprattutto perché il tema in oggetto di questa ulteriore richiesta di interpretazione è per noi molto delicato, riguarda la biodiversità, perché l'idea di brevettare il materiale vegetale non è solo sbagliato, è pericoloso.

Richiamo la Sua attenzione su due aspetti. Il primo, chi è che può promuovere una brevettazione di massa? Le grandi aziende. In questo settore, l'innovazione e la ricerca verso la biodiversità è sempre stata patrimonio delle piccole aziende, che hanno assolto a un compito meritorio e che per questa ragione devono essere protette e aiutate. Secondo tema: se si va verso una concentrazione prodotta dai brevetti è chiaro che questa non si fermerà soltanto ai prodotti oggi in esame, ma diventerà il criterio, il sistema che verrà adottato per l'intera filiera, dalla produzione agricola fino a quella alimentare, introducendo novità negative che verrebbero in contraddizione, in contrapposizione a quello che invece è stato il passo in avanti importante che l'Unione ha fatto nella difesa della biodiversità e nella ricerca e nell'innovazione collegata a questa specie.

(L'oratore accetta di rispondere a una domanda cartellino blu (articolo 162, paragrafo 8, del regolamento)).

 
Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2016Avviso legale