Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2015/2140(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0368/2015

Testi presentati :

A8-0368/2015

Discussioni :

PV 18/01/2016 - 14
CRE 18/01/2016 - 14

Votazioni :

PV 19/01/2016 - 5.4

Testi approvati :

P8_TA(2016)0004

Discussioni
Lunedì 18 gennaio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

14. Relazione annuale sulla politica di concorrenza dell'Unione europea (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati, relatore per parere della commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori . Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario, volevo richiamare la sua attenzione su alcuni punti specifici che sono di particolare interesse per la commissione per il mercato interno, ma non solo. Il primo riguarda il mercato unico digitale: abbiamo bisogno di norme comuni; bisogna superare rapidamente le differenze, paese per paese, proprio per dare un senso alla concorrenza e non far diventare questa strumentale e impropria, così come per quanto concerne gli aiuti di Stato devono essere finalizzati, quando ci sono, alla crescita e allo sviluppo, per dare anche una qualità alla concorrenza tra le singole imprese.

Ma vorrei insistere soprattutto con lei per quanto concerne la parte fiscale: oggi non c'è una normativa fiscale uniforme in Europa, questo danneggia pesantemente le piccole imprese. Fino a quando non ci sarà l'obbligo di rendicontare in ogni paese quello che fanno e quello che pagano in tasse le imprese, avremo una condizione di disparità che finirà col dare un colpo pesantissimo alle aspettative e alle potenzialità delle piccole imprese. Io credo che questo limite debba essere rapidamente superato.

 
Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2016Avviso legale