Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 2 febbraio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

4. Decisione adottata dalla Commissione sul pacchetto sulla tassazione delle società (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, le dico con tutta franchezza che le linee che sono contenute nel pacchetto che lei ci ha illustrato sono condivisibili, però i contenuti del pacchetto non lo sono. Non sono coerenti con quelle linee. Sono lontani dall'esigenza, che voi stessi avete prospettato e che volete risolvere, quella cioè di avere un comportamento fiscale rispettoso delle regole da parte dei cittadini e in particolare da parte delle imprese. Quello che manca è il cuore, non è soltanto la proposta di dettaglio che dovrà venire, ma è l'idea che non ci debba essere trasparenza su alcuni dei punti più delicati, penso principalmente al country by country . Le indicazioni dell'OCSE chiudono e imprigionano queste informazioni nell'ambito delle amministrazioni fiscali, non le rendono note ai cittadini e questo non va bene. La trasparenza ha un effetto di deterrenza straordinario.

Io capisco le preoccupazioni della Commissione ed è giusto che si completi il lavoro intorno alla valutazione d'impatto. Però – lei lo sa benissimo e lo ricordo per tutti – quando è stato fatto lo stesso lavoro per le banche si è arrivati alla conclusione che la trasparenza non creava problemi alla competitività, ma anzi la rendeva più forte. La stessa cosa va fatta per le imprese. Bisogna allargare l'area di applicazione e bisogna avere poi la trasparenza come fondamento. Infine, siccome lei ha detto – e son d'accordo – che il pacchetto è tempestivo, se il tema è la tempestività, quando avrete finito il lavoro sulla valutazione d'impatto, non fate una direttiva ad hoc, ma collocate le conclusioni della proposta dentro la direttiva sui diritti degli azionisti, che è già in stato avanzato di discussione, e avremo recuperato mesi e mesi. E in questo caso avremmo dato consistenza all'idea dell'intervento tempestivo.

 
Ultimo aggiornamento: 8 giugno 2016Avviso legale