Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 8 marzo 2016 - Strasburgo Edizione rivista

14. Distacco di lavoratori (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissaria, lo sforzo che ha fatto la Commissione è senza dubbio utile. Il risultato è molto deludente. Io, vede, non ho contrarietà ideologiche alla libera circolazione, anzi penso che la mobilità possa essere uno strumento importante nei modelli competitivi, nei sistemi delle imprese o nelle singole aziende. A patto però che ci sia parità di salario, parità di contributi e pari normativa.

Diversamente la mobilità diventa uno strumento per il dumping sociale, con danni rilevanti per la concorrenza nel suo insieme e anche, ovviamente, per le persone coinvolte. La parità, nella proposta che voi fate non c'è, su nessuno di questi temi. Occorrerà ricominciare da capo. E bisognerà farlo con molta attenzione perché nel frattempo la situazione non rimane ferma.

Voglio dire due cose rapidissime relative al tempo per la stabilizzazione: 24 mesi non sono soltanto tanti; sono in contrasto con quello che è previsto ad esempio nella normativa per il lavoro stagionale. Allo stesso modo vorrei ricordare a tutti noi che nell'accordo fatto tra l'Unione europea e il Regno Unito ci sono norme che alterano la protezione delle persone e anche questo è un problema che dovremo affrontare.

 
Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2016Avviso legale