Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Procedura : 2014/2252(INI)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : A8-0301/2015

Testi presentati :

A8-0301/2015

Discussioni :

PV 11/04/2016 - 16
CRE 11/04/2016 - 16

Votazioni :

PV 12/04/2016 - 5.10

Testi approvati :

P8_TA(2016)0103

Discussioni
Lunedì 11 aprile 2016 - Strasburgo Edizione rivista

16. Relazioni annuali 2012 e 2013 in materia di sussidiarietà e proporzionalità (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario, come Lei sa, i principi di sussidiarietà e di proporzionalità sono molto importanti e anche molto delicati, non solo da realizzare, ma soprattutto da mettere in equilibrio tra di loro, non a caso, molti colleghi lo hanno sottolineato.

Qual è però il risultato che deriva dalla relazione che stiamo discutendo? Che tutte le forme ulteriori di controllo introdotte finiscono paradossalmente con il togliere trasparenza ai processi che verranno affrontati e, dall'altra parte, rovesciano quello che per noi è invece il percorso positivo, cioè quello di dare maggiore autonomia e potere all'Unione europea. Si ritorna invece a consegnare responsabilità non necessarie agli Stati membri.

Dunque nei fatti è questo un provvedimento che ci allontana dall'obiettivo per il quale siamo qui a rappresentare i cittadini europei. Vorrei farle notare, tra l'altro, non per responsabilità di chi ha lavorato intorno a questo tema, che siamo davanti ad un'ipotetica soluzione in contrasto con altri provvedimenti che sono in discussione proprio in questi giorni o addirittura in queste ore, quelli che affronteremo, voteremo già nella giornata di domani, non sono coerenti con l'accordo interistituzionale sulla better regulation e hanno elementi di forte contrasto, ad esempio con i compromessi che voteremo sul REFIT .

Dunque, la direzione imboccata è una direzione che secondo me va assolutamente e rapidamente modificata.

 
Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2016Avviso legale