Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 12 aprile 2016 - Strasburgo Edizione rivista

13. Decisione adottata in materia di trasparenza fiscale pubblica (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, nei mesi passati questo Parlamento ha approvato un testo di rendicontazione, paese per paese, nell'ambito di una direttiva, quella sui diritti degli azionisti, che rappresenta la montagna. Oggi, la Commissione ci presenta il topolino che è nato da quella montagna.

Io non disprezzo nulla, anzi ho molto rispetto per il lavoro che è stato fatto, però non si può negare che siamo di fronte ad una soluzione largamente insufficiente per le ragioni che sono state dette nel dibattito. Il modello dell'OCSE è stato preso a riferimento, ma il modello dell'OCSE era stato considerato da noi largamente insufficiente, esattamente come la vostra proposta. Pensi alla soglia.

La soglia, come le ricordava prima la mia collega Ferreira, esclude una parte consistente non delle piccole imprese, ma delle grandi imprese multinazionali. L'ipotesi del Parlamento prevedeva il coinvolgimento di 20 000 aziende, qui siamo vicini ai mille e novecento soggetti coinvolti. Le nostre informazioni, quelle richieste, dovevano includere la proprietà, la vendita e i sussidi pubblici; nella vostra proposta di tutto ciò non si parla.

Noi avevamo immaginato di avere queste informazioni non soltanto articolate, ma da tutti gli Stati dell'Unione europea e dal resto del mondo, dove queste aziende lavorano; voi parlate invece solo dell'Unione europea e di paradisi fiscali ancora da definire e sarei curioso davvero di capire quali saranno i criteri che adotterete. Dunque grazie per lo sforzo che avete fatto ma rendetevi conto che siamo in un ambito per noi...

 
Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2016Avviso legale