Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Ciclo di vita in Aula
Ciclo dei documenti :

Testi presentati :

O-000027/2016 (B8-0359/2016)

Discussioni :

PV 27/04/2016 - 20
CRE 27/04/2016 - 20

Votazioni :

Testi approvati :


Discussioni
Mercoledì 27 aprile 2016 - Bruxelles Edizione rivista

20. Protezione (transfrontaliera) degli interessi superiori del bambino in Europa (discussione)
Video degli interventi
PV
MPphoto
 

  Sergio Gaetano Cofferati (S&D ). Signor Presidente, onorevoli colleghi, signora Commissario ha sentito come le interrogazioni, delle quali stiamo discutendo, abbiamo riassunto il senso delle tantissime petizioni che sono arrivate al Parlamento nel corso degli ultimi tempi. Esse riguardano sostanzialmente tre blocchi di problemi, come è stato più volte ricordato dai miei colleghi.

Il primo è rappresentato dagli effetti negativi di un diritto matrimoniale frantumato: questi effetti vengono accentuati dall'aumento della mobilità tra paese e paese. Il tutto ricade sui diritti dei bambini e sulla loro protezione perché sono il soggetto debole del nucleo famigliare, a tal punto da trasformare spesso l'affido in una sorta di contesa che li penalizza al di là di ogni immaginazione.

Il secondo riguarda il tema delle adozioni: serve un quadro legislativo con protezioni sociali. Non si tratta semplicemente di affidare a qualcuno – sperabilmente un nucleo familiare solido – delle piccole persone ma anche di garantire loro le adeguate protezioni che servono per vivere dignitosamente.

Il terzo tema è quello della lotta alla povertà: la povertà è aumentata in tutti i paesi europei, anche nei più ricchi, perché si è creata una divaricazione tra la parte più solida della società, quella che ha redditi più elevati, e i più poveri; i soggetti che pagano questa divaricazione in primo luogo sono proprio i bambini. Io credo che qualunque politica di protezione e dunque di lotta alla povertà deve essere tale da considerare i bambini la priorità assoluta. È da lì che bisogna partire.

 
Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2017Avviso legale